Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Attrezzi a mano per lavori sotto tensione

ID 9718 | | Visite: 2901 | Documenti impianti riservatiPermalink: https://www.certifico.com/id/9718

Attrezzi per lavori sotto tensione

Attrezzi a mano per lavori sotto tensione: caratteristiche e marcature

ID 9718 | 14.12.2019

Documento sulle caratteristiche e marcature di attrezzi a mano per i lavori sotto tensione e in prossimità di parti in tensione con tensione fino a 1000 V in c.a. e 1500 V in c.c. La norma di riferimento è la CEI EN IEC 60900:2019, aggiornata a Settembre 2019 che sostituisce la CEI EN 60900:2015 che rimane applicabile fino al 25-07-2021. Parzialmente omessi i riferimenti numerici della norma.

CEI EN IEC 60900:2019
Lavori sotto tensione - Attrezzi di lavoro a mano per tensioni fino a 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua

Data: 01/set/2019
Codifica CEI: 11-16 

Questa Norma si applica agli attrezzi isolati, isolanti e ibridi utilizzati per i lavori sotto tensione e in prossimità di parti in tensione con tensione fino a 1 000 V in c.a. e 1 500 V in c.c. 

I prodotti progettati e fabbricati in base a questo documento contribuiscono alla sicurezza degli utenti, a condizione che siano utilizzati da personale qualificato, in conformità con metodi di lavoro sicuri e con le istruzioni per l'uso (se presenti). Questo documento è stato preparato in conformità ai requisiti della Norma IEC 61477, ove applicabile.

I prodotti trattati in questo documento, durante alcune o tutte le fasi del loro ciclo di vita, possono avere un impatto sull'ambiente che può variare da lieve a significativo, essere di breve o lunga durata e verificarsi a livello globale, regionale o locale.

Questo documento non tratta i requisiti e le disposizioni di prova per i fabbricanti dei prodotti o le raccomandazioni agli utilizzatori per il miglioramento dell’impatto ambientale.

Questa edizione annulla e sostituisce la precedente CEI EN 60900:2015-12 che rimane applicabile fino al 25-07-2021 e ne costituisce una revisione tecnica.

Rispetto alla precedente, vengono introdotte le seguenti modifiche tecniche significative:

- aggiunta di una terza categoria di attrezzi, ovvero gli attrezzi di lavoro a mano ibridi;
- introduzione di un nuovo Allegato informativo A con esempi di attrezzi di lavoro a mano isolati, isolanti e ibridi.

La presente Norma riporta la traduzione completa della EN IEC 60900; la versione inglese è riportata nel fascicolo 16578E di novembre 2018.

______

Excursus

Definizioni

attrezzo a mano: attrezzo tenuto in mano
attrezzo a mano ibrido: attrezzo a mano realizzato in uno o più materiali isolanti, con parti conduttrici esposte nella zona della testa di lavoro
attrezzo a mano isolato: attrezzo a mano fabbricato in un materiale conduttore, completamente o parzialmente ricoperto da materiali isolanti 
attrezzo a mano isolante: attrezzo a mano fabbricato completamente o sostanzialmente in materiali isolanti, ad eccezione degli inserti realizzati in materiali conduttori, utilizzati co me rinforzi, ma senza che vi siano parti conduttrici esposte
testa di lavoro: parte della testa dell’attrezzo che è limitata alla superficie di lavoro e alla zona di contatto

Gli attrezzi a mano isolati ed isolanti e gli attrezzi a mano ibridi devono essere costruiti e dimensionati in modo tale da proteggere l’utilizzatore dall’elettrocuzione.

NOTA 1 Gli attrezzi a mano isolanti riducono al minimo il rischio di cortocircuito tra due parti a potenziale differente.
NOTA 2 Gli attrezzi a mano ibridi riducono il rischio di cortocircuito tra due parti a potenziale differente.
NOTA 3 Gli attrezzi a mano isolati, completamente rivestiti di materiale isolante, ad eccezione della parte conduttrice della superficie di lavoro, riducono al rischio di cortocircuito tra due parti a potenziale differente
 
Marcatura

La marcatura deve essere chiaramente identificabile dalle persone che abbiano una vista normale o corretta, senza dover far ricorso ad ulteriori ingrandimenti.

Ciascun attrezzo a mano e/o componente dell’attrezzo deve riportare, in modo leggibile ed indelebile, le seguenti marcature:
 
1. sul materiale isolante o sulla parte metallica:
- l’origine (nome del costruttore o marchio di fabbrica);

2. sul materiale isolante:
- il riferimento di modello/tipo;
- l’anno di costruzione (almeno le due ultime due cifre dell’anno);
- il simbolo IEC 60417-5216:2002-10 – Indica un attrezzo idoneo al lavoro sotto tensionesimbolo del doppio triangolo (IEC 60417-5216:2002-10);

NOTA Per questo simbolo, il rapporto esatto tra l’altezza della figura e la base del triangolo è 1,43:1. Per comodità, questo rapporto può essere compreso tra i valori 1,4 ed 1,5.

- l’indicazione 1 000 V (vale a dire il limite della tensione di lavoro in corrente alternata) posto immediatamente vicino al simbolo del doppio triangolo (per un esempio si veda la Fig. 1);
- il numero della corrispondente Norma IEC, posto immediatamente vicino al segno del doppio triangolo (IEC 60900);
- per gli attrezzi a mano progettati per essere utilizzati a temperature molto basse: la lettera “C” (si veda 4.2.2);
- marcature addizionali per gli attrezzi a mano che possono essere assemblati e progettati per essere accoppiati con elementi che possano essere interscambiabili con quelli di altri costruttori Fig. 2 (si veda 4.4.1.3.2);
 - marcature aggiuntive, quando specificato dal cliente (per esempio il marchio del proprietario).
 
Marcatura tensione di lavoro

Figura 1 - Marcatura del limite della tensione di lavoro posto a fianco del simbolo del doppio triangolo
 
Attrezzi interscambiabili

Figura 2 - Simbolo di marcatura per gli attrezzi a mano ad elementi componibili, progettati per essere interscambiabili con quelli di diversi costruttori
...
 
Gli attrezzi a mano non devono avere nessuna altra indicazione di tensione ad eccezione di quella descritta in precedenza.
 
Marcatura sul materiale isolante
Fig. 3 Esempio marcatura 
 
Prescrizioni per i materiali isolanti
 
Il materiale isolante deve essere scelto in funzione delle sollecitazioni elettriche, meccaniche e termiche alle quali esso può essere sottoposto durante l’utilizzo. In aggiunta il materiale isolante deve avere una resistenza adeguata all’invecchiamento e non deve propagare la fiamma.

Il rivestimento isolante può essere costituito da uno o più strati. In caso di più strati, questi possono essere di colori differenti.

La progettazione e la realizzazione delle impugnature devono permettere una presa sicura ed evitare lo scivolamento involontario delle mani. Le dimensioni dell’impugnatura e della battuta mostrate nelle diverse figure per definire la zona di impugnatura sono applicabili a tutti i tipi di attrezzi a mano
 
Gli attrezzi a mano devono poter essere utilizzati senza restrizioni in una gamma di temperatura compresa tra i –20 °C ed i +70 °C.
Il rivestimento isolante applicato sugli attrezzi a mano deve avere una buona aderenza alla parte conduttrice a temperature comprese tra i –20° C ed i +70° C.
 
Ulteriori prescrizioni
...
4.2.2 Gli attrezzi a mano previsti per l’uso a temperature estremamente basse (sino a -40° C) devono essere progettati a questo scopo e ed essere denominati di “Categoria C”.

NOTA L’indicazione, per esempio di una tensione di prova, potrebbe indurre a ritenere l’attrezzo a mano sia idoneo all’uso con tale tensione.

Altre caratteristiche o informazioni non necessarie sul luogo di lavoro, come l’anno di pubblicazione della Norma e il tipo di attrezzo a mano, devono essere associate all’attrezzo
con altri mezzi, come informazioni codificate (codici a barre, microchip, ecc.), o essere riportate nel suo imballaggio.
Il segno del doppio triangolo deve avere un’altezza minima di 3 mm, le lettere e le cifre che indicano il limite della tensione di lavoro devono avere un’altezza di almeno 2 mm (si veda la Fig. 1).
...
4.4.2 Cacciavite
4.4.2.1 Superfici non isolate
Per i cacciavite o i cacciavite ibridi sulla testa di lavoro è ammessa una superficie non isolata conduttrice, di lunghezza massima di 18 mm (si veda la Fig. 4)
 
Isolamento cacciavite
Figura 4 – Illustrazione dell’isolamento di un tipico cacciavite

Legenda

a) parte conduttrice
b) isolamento
W) testa di lavoro
 
4.4.3 Chiavi - superfici non isolate

Le parti e le superfici non isolate ammesse per le teste di lavoro di chiavi isolate o ibride sono le seguenti (si veda la Fig. 5):

- chiave fissa a testa singola: la superficie di lavoro;

NOTA A richiesta del cliente la parte non isolata può essere estesa alla testa di lavoro
 
- chiave ad anello, chiave a bussola, chiave a T: la superficie di lavoro e la zona di contatto.
 
Isolamento chiavi
 
Figura 5 – Illustrazione dell’isolamento di una chiave fissa tipica

Legenda
a) parte conduttrice
b) isolamento
c) superficie di lavoro
d) area di contatto
W) testa di lavoro
 
4.4.5 Pinze, spelafili, forbici per elettricisti, attrezzi a mano tagliacavi
L’isolamento del manico di questi attrezzi a mano isolati o ibridi  deve avere una battuta per prevenire lo scivolamento della mano verso le parti conduttrici scoperte della testa (si veda la Fig. 6/7 come esempio).
 
Isolamento pinze
Figura 6 – Illustrazione dell’isolamento di pinze tipiche

Legenda
a) parte conduttrice
b) superficie di lavoro
c) isolamento
d) area di contatto
W) testa di lavoro
Isolamento pinze sotto cerniera
 
Figura 7 - Isolamento di pinze con un’area funzionale al di sotto della cerniera
 
4.4.6 Forbici
Nella Fig. 8 è mostrato un tipico isolamento per forbici.
 
Isolamento forbici
Figura 8 – Isolamento delle forbici
 
La lunghezza massima delle parti non isolate delle forbici non deve superare i 100 mm.
La porzione di isolante di fronte alla battuta deve estendersi il più possibile verso la testa di lavoro. Se la parte isolata di fronte all’anello è inferiore a 50 mm, è richiesta almeno una battuta.
...
Allegato A (informativo)
Descrizione ed esempi di attrezzi a mano isolati, ibridi ed isolanti
 
CEI EN IEC 60900 Allegato A
 
Esempi Marcatura attrezzi

Marcatura cacciaviti

Fig. 1. Marcatura cacciaviti IEC 60900

Marcatura cacciaviti II

Fig. 2. Marcatura cacciaviti IEC 60900 + "C"

Marcatura tronchesi

Fig. 3. Marcatura tronchesi IEC 60900

Marcatura pinze
Fig. 4. Marcatura pinze IEC 60900

....
segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2019
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Pin It


Tags: Impianti Impianti elettrici Abbonati Impianti

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

110
Ago 06, 2020 33

Superbonus e Sismabonus al 110%: Decreto Asseverazioni

Superbonus e Sismabonus al 110%: Decreto Asseverazioni MIT, 05 Agosto 2020 Pubblicata la modulistica per gli interventi di efficientamento energetico Firmato il decreto attuativo relativo alla modulistica e alle modalità di trasmissione dell’asseverazione agli organi competenti, tra cui Enea, per… Leggi tutto
Legge 28 giugno 1986 n  339
Lug 26, 2020 82

Legge 28 giugno 1986 n. 339

Legge 28 giugno 1986 n. 339 Nuove norme per la disciplina della costruzione e dell'esercizio di linee elettriche aeree esterne. (GU n.158 del 10-7-1986) [box-info]Norme tecniche previste dalla Legge n. 339/1986 Le norme tecniche previste dalla Legge 28 giugno 1986 n. 339 (Art. 2) sono state emanate… Leggi tutto
Linee elettriche aeree   Distanza da attivita  PI
Lug 26, 2020 70

DM 16 gennaio 1991

DM 16 gennaio 1991 Aggiornamento delle norme tecniche per la disciplina della costruzione e dell'esercizio di linee elettriche aeree esterne (G.U. 16 febbraio 1991 n. 40)Vedi: Collegati
Decreto 21 marzo 1988 n. 449Linee elettriche aeree: le distanze dalle attività PI
Leggi tutto
Decreto 21 marzo 1988 n  449
Lug 26, 2020 136

Decreto 21 marzo 1988 n. 449

Decreto 21 marzo 1988 n. 449 Approvazione nelle norme tecniche per la progettazione, l’esecuzione e l’esercizio delle linee elettriche aeree esterne (1). (G.U. 5 aprile 1988, n. 79 SO) [box-info]Norme tecniche previste dalla Legge n. 339/1986 Le norme tecniche previste dalla Legge 28 giugno 1986 n.… Leggi tutto
Relazione annuale ARERA 2019
Lug 20, 2020 95

Relazione Annuale ARERA 2019

Relazione Annuale ARERA 2019 ID 11220 | 20.07.2020 In allegato i due volumi della Relazione Annuale ARERA 2019 sullo Stato dei servizi e sull’Attività svolta. Gli elementi contenuti nei due volumi riguardano i 12 mesi dell’anno solare 2019 e non contemplano i primi mesi di quest’anno e l’impatto… Leggi tutto