Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Vademecum Scarico Condense N. 5 | UNI 7129-5:2015

ID 8095 | | Visite: 12467 | Documenti impianti riservatiPermalink: https://www.certifico.com/id/8095

Vademecum scarico condense 7129 5

Vademecum Scarico Condense N. 5 | UNI 7129-5:2015

ID 8095 | 01.04.2019

Il presente documento (N. 5 della serie di 5 documenti previsti) illustra, con il supporto di immagini, i sistemi per lo scarico delle condense  degli Impianti a gas per uso domestico e similare alimentati da rete di distribuzione, in base a quanto indicato nella norma UNI 7129:5:2015

La norma si applica agli impianti domestici e similari per l'utilizzazione dei gas combustibili appartenenti alla I, II e III famiglia secondo la UNI EN 437 ed alimentati da rete di distribuzione di cui alla UNI 9165 e UNI 10682.

La norma definisce le modalità per la raccolta e lo scarico delle condense prodotte dai generatori di calore a condensazione e a bassa temperatura e quelle che si formano nei sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione.

La norma si applica ai sistemi di raccolta e scarico delle condense al servizio degli impianti domestici e similari dotati di apparecchi a condensazione o apparecchi a bassa temperatura di singola portata termica nominale massima non maggiore di 35 kW o di sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione funzionanti ad umido.

La presente norma fornisce in oltre indicazioni per ii controllo dei sistemi di raccolta e scarico delle condense.

Il presente documento è elaborato sulla norma UNI 7129-5:2015 (Edizione 2015).

UNI 7129-5:2015 la norma sostituisce la UNI 11071:2003

 ________
Attenzione: documento elaborato su norma UNI 7129:5:2015, possibili riferimenti ad altre norme riportate non più in vigore

Excursus

Sistema di scarico delle condense

Lo scarico delle condense deve avvenire nel rispetto della legislazione vigente in materia.

Gli apparecchi a condensazione devono sempre essere collegati all'impianto di scarico delle condense.

figura1 7129 5 2019

Poichè il sistema di evacuazione dei prodotti della combustione asservito a tali apparecchi si trova ad operare ad umido, è necessario realizzare un sistema di scarico delle condense allacciato a tale sistema, a meno che il fabbricante dell'apparecchio dichiari l'idoneità dello stesso a ricevere anche i condensati provenienti dal sistema di evacuazione dei prodotti della combustione.

In caso sia utilizzata una curva a 90°  si deve verificare che l'apparecchio sia idoneo a ricevere e smaltire le condense dei prodotti della combustione e/o le acque meteoriche eventualmente provenienti dal sistema di evacuazione dei prodotti della combustione, per mezzo del sifone di caldaia o di un raccogli condensa presente sul condotto di evacuazione dei prodotti della combustione.
Nei casi in cui il sistema di evacuazione dei prodotti della combustione non possa scaricare completamente i condensati nell'apparecchio (esempio in presenza di una camera di raccolta alla base del camino/cannafumaria/condotto intubato) è necessario realizzare un ulteriore sistema di scarico delle condense alla sua base, dotato di sifone.

In questo caso il sifone deve avere un battente almeno due volte maggiore rispetto alla massima prevalenza del ventilatore dell'apparecchio, in ogni caso non minore di 100 mm (figura 3).

E' inoltre necessario prevedere ii sistema di scarico della condensa alla base del sistema di evacuazione dei prodotti della combustione nei seguenti casi:

- apparecchi a bassa temperatura;
- sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione operanti ad umido al servizio di apparecchi non a condensazione.

In ogni caso deve essere evitato il ristagno delle condense nel sistema di evacuazione dei prodotti della combustione, ad eccezione del battente di liquido presente nell'eventuale sifone di scarico del sistema stesso.

L'impianto di scarico della condensa deve essere dimensionato ed installato in modo da garantire la corretta evacuazione delle condense prodotte dall'apparecchio e/o dal sistema di evacuazione dei prodotti della combustione in ogni condizione di funzionamento.

Lo scarico delle condense deve essere realizzato in modo tale da impedire la fuoriuscita dei prodotti gassosi della combustione in ambiente o in fogna.

...

Esempio di sistema di scarico delle condense

Legenda

1 impianto di smaltimento dei reflui o altro sistema di raccolta/trattamento
2 Dispositivo "A" (vedere figura 5)
3 Impianto di scarico delle condense
4 Sistema di scarico delle condense
5 Sifone

Figura 1

...

Posa in opera

Il sistema di scarico delle condense deve:

- essere realizzato avendo l'accortezza di impedire l'utilizzo delle condense prodotte da parte dell'utenza;
- essere dimensionato e installato seguendo, ove esistenti, le indicazioni fornite dal fabbricante (dell’apparecchio o del sistema di evacuazione dei prodotti della combustione);
- essere dotato di una disgiunzione ispezionabile, mediante sifone o altro dispositivo equivalente, tra l'apparecchio e/o il sistema di evacuazione dei prodotti della combustione e l'impianto di scarico delle condense:
- consentire il corretto deflusso degli scarichi liquidi dell'apparecchio e/o del sistema di evacuazione dei prodotti della combustione prevenendo eventuali perdite;
- essere installato in modo tale da evitare ii congelamento dell'eventuale liquido in esso contenuto nelle condizioni di funzionamento previste.

figura2 7129 5 2019

Il sistema di scarico delle condense può essere collegato ad un impianto di smaltimento reflui domestici.

In tal caso, deve essere utilizzato un opportuno sifone o dispositivo equivalente atto a prevenire ii ritorno di esalazioni dalla rete fognaria (dispositivo A nelle figure 1, 2a, 2b, 3 e 4).

Alcuni esempi di tale dispositivo sono rappresentati nella figura 5.

Figura 5 Esempi di configurazione del dispositivo di collegamento all'impianto di smaltimento dei reflui domestici

figura3

[...segue in allegato]

...

Per il trattamento delle condense si indicano i seguenti casi:

Figura schema

Nel caso di installazioni in edifici ad uso abitativo o prevalentemente abitativo, qualora gli impianti siano asserviti a canne collettive, non si rende necessaria la neutralizzazione.

In tutti i casi, per i quali lo scarico delle condense non avviene nel sistema di scarico delle acque reflue, e necessaria l'installazione di un neutralizzatore di condense che garantisca il rispetto dei parametri previsti dalla legislazione vigente.

Immagine1

...segue in allegato

...

Indice

Premessa
1. Sistema di scarico delle condense
2. Materiali
3. Posa in opera
4. Controllo del sistema di scarico delle condense
5. Gestione delle condense
6. Dimensionamento dell'impianto di scarico delle condense
7. Quantitativo massimo di condensa prodotta dagli apparecchi a condensazione
Fonti

________

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2019
©Copia autorizzata Abbonati

ID 8095 | 01.04.2019

Articoli correlati:

Pin It


Tags: Impianti Abbonati Impianti Impianti gas Vademecum

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

Set 07, 2020 54

DPCM 19 giugno 2020 n. 110

DPCM 19 giugno 2020 n. 110 Regolamento recante modalita' e criteri di attivazione e gestione del servizio IT-Alert. (GU Serie Generale n.222 del 07-09-2020) Entrata in vigore del provvedimento: 22/09/2020 ... Collegati:[box-note]Dlgs 259/2003 Codice comunicazioni elettroniche | Testo consolidato… Leggi tutto
Linee guida diagnosi energetica PMI
Ago 25, 2020 156

Linee Guida Diagnosi Energetica nelle PMI | ENEA 2020

Linee Guida Diagnosi Energetica nelle PMI | ENEA 2020 Linee Guida per la Diagnosi Energetica nelle Piccole e Medie ImpreseIl potenziale per l’efficienza energetica nelle piccole e medie imprese (PMI) è ancora molto esteso, come testimoniato anche dall’art. 8 della Direttiva Europea 2012-27-UE… Leggi tutto
Ago 12, 2020 119

Deliberazione 315/2020/R/eel del 4 agosto 2020

Deliberazione 315/2020/R/eel del 4 agosto 2020 Condizioni procedurali ed economiche semplificate per la connessione degli impianti di produzione di energia elettrica di potenza inferiore a 800 W. Aggiornamento del testo integrato connessioni attive (TICA) Collegati[box-note]Deliberazione ARG/elt… Leggi tutto
Deliberazione ARG elt 99 08 del 23 luglio 2008
Ago 12, 2020 132

Deliberazione ARG/elt 99/08 del 23 luglio 2008

Deliberazione ARG/elt 99/08 del 23 luglio 2008 Testo integrato delle condizioni tecniche ed economiche per la connessione alle reti elettriche con obbligo di connessione di terzi degli impianti di produzione di energia elettrica (Testo integrato delle connessioni attive - TICA) GU n. n. 196 del… Leggi tutto
110
Ago 06, 2020 451

Superbonus e Sismabonus al 110%: Decreto Asseverazioni

Superbonus e Sismabonus al 110%: Decreto Asseverazioni MIT, 05 Agosto 2020 Pubblicata la modulistica per gli interventi di efficientamento energetico Firmato il decreto attuativo relativo alla modulistica e alle modalità di trasmissione dell’asseverazione agli organi competenti, tra cui Enea, per… Leggi tutto
Legge 28 giugno 1986 n  339
Lug 26, 2020 213

Legge 28 giugno 1986 n. 339

Legge 28 giugno 1986 n. 339 Nuove norme per la disciplina della costruzione e dell'esercizio di linee elettriche aeree esterne. (GU n.158 del 10-7-1986) [box-info]Norme tecniche previste dalla Legge n. 339/1986 Le norme tecniche previste dalla Legge 28 giugno 1986 n. 339 (Art. 2) sono state emanate… Leggi tutto
Linee elettriche aeree   Distanza da attivita  PI
Lug 26, 2020 173

DM 16 gennaio 1991

DM 16 gennaio 1991 Aggiornamento delle norme tecniche per la disciplina della costruzione e dell'esercizio di linee elettriche aeree esterne (G.U. 16 febbraio 1991 n. 40)Vedi: Collegati
Decreto 21 marzo 1988 n. 449Linee elettriche aeree: le distanze dalle attività PI
Leggi tutto
Decreto 21 marzo 1988 n  449
Lug 26, 2020 310

Decreto 21 marzo 1988 n. 449

Decreto 21 marzo 1988 n. 449 Approvazione nelle norme tecniche per la progettazione, l’esecuzione e l’esercizio delle linee elettriche aeree esterne (1). (G.U. 5 aprile 1988, n. 79 SO) [box-info]Norme tecniche previste dalla Legge n. 339/1986 Le norme tecniche previste dalla Legge 28 giugno 1986 n.… Leggi tutto