Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Classificazione dei sistemi elettrici

ID 7909 | | Visite: 60 | News ImpiantiPermalink: https://www.certifico.com/id/7909

Classificazione dei sistemi elettrici

Classificazione dei sistemi elettrici

Classificazione dei sistemi elettrici in base alla tensione elementi conoscitivi di linee elettriche AT, MT, BT

Si definisce tensione nominale di un sistema il valore della tensione con il quale il sistema è denominato ed al quale sono riferite le sue caratteristiche.

Secondo la pratica corrente, pur se non sancita da alcuna norma, si parla di bassa, media ed alta tensione secondo il seguente criterio:

    AC CC
Bassissima tensione BBT U≤50V U≤120V
Bassa tensione BT 50V<U<1000V 120V<U<1500V
Media tensione MT 1.000V<U<30.000V 1.500V<U<30.000V
Alta tensione AT 30.0000V<U<130.000V ---
Altissima tensione AAT U>130.0000V ---

Si definisce tensione nominale verso terra la tensione dipendente dallo stato del neutro verso terra: nei sistemi trifasi con neutro a terra la tensione stellata della tensione nominale, nei sistemi monofasi col punto di mezzo a terra, metà della tensione nominale.

Nei sistemi isolati da terra tale tensione non ha un valore ben preciso perché dipende dalle impedenze di isolamento delle tre fasi verso terra costituite dal parallelo delle resistenze d’isolamento e delle reattanze capacitive. In ogni caso si assume come valore della tensione verso terra la tensione nominale perché il caso peggiore consiste nel guasto franco a terra di una fase per cui le altre fasi assumono verso terra il valore della tensione concatenata. La tensione verso terra è importante per la sicurezza perché i contatti più frequenti si hanno tra mani e piedi tra una parte in tensione e la terra mentre più raramente tra due fasi in cui è coinvolta la tensione concatenata.

E’ riferendosi alla tensione nominale che si classificano i sistemi elettrici (D.Lgs. 81/2008 Allegato IX):

  AC (V) CC (V)  
Sistema di categoria 0 U≤ 50 U≤120 Bassa Tensione
Sistemi di  categoria I  50<U<1000 120<U<1500
Sistemi di categoria II 1.000<U<30.000 1.500<U<30.0000 Alta tensione
Sistemi di categoria III U>30.000 U>30.000

Il limite tra alta e bassa tensione è 400V per la AC e 600V per la CC

Per i sistemi con Vn > di 1000V C.a. e 1500V C.c. ad ogni valore nominale di tensione si abbina anche un valore di tensione riferito all’isolamento rispetto al quale devono essere dimensionate le apparecchiature (La tensione d’isolamento Vi deve essere circa uguale a Vn+ 10%Vn - Tab. 1).

Tensione concatenata
(KV)

Tensione massima di riferimento per l’isolamento (KV)

3
6
10
15
20
30
66
132
220
380
3,6
7,2
12
17,5
24
36
72,5
145
245
420

Tab. 1 - Tensioni nominali e relative tensioni di riferimento per l'isolamento per sistemi con tensione nominale superiore a 1000 V in c.a. e 1550 V in c.c.

Classificazione dei sistemi elettrici in relazione alla messa a terra

I sistemi elettrici sono classificati in base allo stato del neutro e delle masse rispetto alla terra. Vengono indicati con due lettere:

1a lettera = T    Il neutro è collegato a terra
1a lettera = I     Il neutro non è collegato a terra oppure è collegato a terra tramite un’impedenza
2 lettera = T   Masse collegate a terra
2 lettera = N   Masse collegate al neutro del sistema

Fondamentalmente esistono tre tipi di sistemi elettrici di distribuzione:

1) Sistema TT, terra del neutro in cabina  e terra delle masse collegate all’impianto di terra dell’utente mediante il conduttore  di protezione (PE). Il conduttore di neutro è considerato attivo a tutti gli effetti (può assumere tensioni pericolose ad esempio a causa di cadute di tensione su di esso) come tale deve essere sezionabile e quindi gli interruttori devono aprire su tutti i poli. Il conduttore PE invece non deve mai essere sezionato.

Sistema TT
1) Sistema TT

2) Sistema TN, neutro a terra con le masse collegate direttamente al neutro (TN-C - il neutro, fungendo anche da conduttore di protezione, non deve essere sezionabile e deve avere sezione rispondente alle normative sugli impianti di terra) oppure tramite il conduttore di protezione (TN-S - le norme  richiedono il sezionamento del neutro solo nei circuiti a due conduttori fase-neutro aventi a monte un dispositivo di interruzione unipolare come ad esempio un fusibile. Comunque il sezionamento del neutro non è vietato negli altri casi).

Sistema TN C

2.1) Sistema TN-C

Sistema TN S
2.2) Sistema TN-S

3) Sistema IT, il neutro è isolato o collegato a terra tramite impedenza mentre  le masse sono collegate ad una terra locale (il neutro deve essere sempre sezionabile). Il principale vantaggio di questo sistema è la continuità del servizio perché al  primo guasto a terra la corrente che si richiude attraverso le capacità parassite dei conduttori verso terra è molto piccola e quindi non necessita di essere interrotta. Questo è un sistema utilizzato per impianti con particolari esigenze di continuità di esercizio purché vi sia un  collegamento ad un unico impianto di terra delle parti metalliche da proteggere, la tensione sulle masse non superi i 25V nel caso di primo guasto a terra, il tempo di intervento del dispositivo di protezione non superi i 5s quando si verifica il secondo guasto a terra e vi sia un dispositivo di controllo continuo dell’isolamento delle parti attive verso terra.

Sistema IT
3) Sistema IT

Vocabolario Elettrotecnico Internazionale della IEC (IEC 60050 Series)

http://www.electropedia.org/
 (Hide details for [<u>Section 601-01: Fundamental concepts</u>]Section 601-01: Fundamental concepts)

Linee elettriche ad alta, media e bassa tensione

L’energia a media e bassa tensione viene veicolata attraverso una Rete di distribuzione.

Attraverso alcune cabine, dette cabine primarie, la corrente viene trasformata da alta a media tensione (10kV – 15kV – 20kV).

Successivamente, la media tensione viene trasformata in bassa tensione attraverso delle cabine secondarie (MT/BT): da queste cabine, la corrente arriva, in maniera capillare, a tutti gli utenti: a 230V se si tratta di un’utenza monofase (le nostre abitazioni) o 400V se si tratta di un trifase(si utilizza per potenze superiori a 6 kW, e viene applicata soprattutto in ambito industriale o artigianale).

Dall’immagine che segue, si vede il “ciclo di vita” della corrente elettrica:

Trasmissione energia elettrica

L'energia elettrica è generata dalle centrali di produzione alla tensione di 6kV (cioè una media tensione), è poi trasformata in alta tensione, per tornare poi,  a media tensione attraverso le cabine primarie.

Questo principalmente per due motivi

- Innanzitutto, la ragione per la quale la tensione iniziale è di 6kV è dovuta al fatto che, tensioni più elevate implicherebbero complicazioni di impianto legate all’isolamento delle apparecchiature.

- Inoltre, a parità di potenza trasportata, le perdite per dissipazione sono inferiori se la trasmissione avviene ad alta tensione, soprattutto per le linee che si sviluppano per lunghe distanze.

Come riconoscere le linee di trasporto e distribuzione elettrica

Linea 230 o 380 kV

4) Linea 220 o 380 kV

Linea 130kV

4) Linea 130 kV
...
segue in allegato

Collegati



Tags: Impianti Impianti elettrici

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

Mar 14, 2019 32

Direttiva 2001/77/CE

Direttiva 2001/77/CE Direttiva 2001/77/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 settembre 2001, sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità GU L 283 del 27.10.2001 Recepita con: Decreto legislativo 387 del… Leggi tutto
Conto Energia impianti fotovoltaici
Mar 14, 2019 43

Conto Energia | Impianti fotovoltaici

Conto Energia | impianti fotovoltaici Incentivi alla produzione di energia da impianti fotovoltaici connessi alla rete Il Conto Energia è stato introdotto in Italia con la Direttiva 2001/77/CE recepita con l’approvazione del Decreto legislativo 387 del 2003. Questo meccanismo è diventato operativo… Leggi tutto
Certificato collaudo impianto fotovoltaico
Mar 14, 2019 79

Certificato collaudo impianto fotovoltaico

Certificato collaudo impianto fotovoltaico Il certificato di collaudo dell'impianto fotovoltaico è un documento obbligatorio per poter accedere alle tariffe incentivanti del conto energia. Il collaudo è un atto tecnico-amministrativo, che si colloca alla fine dell'installazione dell'impianto… Leggi tutto
Mar 07, 2019 46

CEI 11-1: sostituita da CEI EN 61936-1 e CEI EN 50522

CEI 11-1 Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kv c.a Dal primo novembre 2013, la nona edizione della Norma CEI 11-1 è abrogata e sostituita dalle Norme:CEI EN 61936-1 (Classificazione CEI 99-2): impianti elettrici con tensione superiore a 1 kV in corrente alternata;CEI EN 50522… Leggi tutto