Slide background

Terzo Valico: analisi costi-benefici e analisi giuridica

ID 7538 | | Visite: 328 | News CostruzioniPermalink: https://www.certifico.com/id/7538

Temi: Costruzioni

Terzo Valico analisi costi benefici e analisi giuridica

Terzo Valico: ultimata l'analisi costi-benefici e l'analisi giuridica

N.B.: Si riporta il documento a soli fini di compresione di una Relazione tipo di analisi costi-benefici (cost-benefit analysis), è escluso qualsiasi fine politico.

L’analisi costi-benefici (ACB) è una tecnica di valutazione utilizzata per prevedere gli effetti di un progetto, di un programma o di un investimento, verificando se, con la realizzazione dell'intervento, la società ottenga un beneficio o un costo netto. E' uno strumento di supporto alla decisione pubblica poiché, attraverso il calcolo dei benefici e dei costi associati alla sua realizzazione, esso evidenzia la proposta migliore fra più alternative progettuali.

La metodologia adottata, del tipo costi-benefici sociali, è sostanzialmente quella delle «Linee Guida» del Ministero dei Trasporti (Linee guida per la valutazione degli investimenti in opere pubbliche nei settori di competenza del ministero delle infrastrutture e dei trasporti di cui al D.Lgs. 29 dicembre 2011, n. 228)

______

In data 13 dicembre 2018 gli esperti della Struttura Tecnica di Missione del MIT hanno completato le valutazioni sulla nuova linea ferroviaria Alta Velocità/Alta Capacità del Terzo Valico di Giovi.

L'analisi costi-benefici, che tiene conto di numerosi fattori, è stata valutata insieme alle ulteriori risultanze per cui, date le spese già sostenute per l’avanzamento dei lavori già compiuti e considerati i costi derivanti dai contenziosi e per il ripristino dei luoghi, si procederà verso la realizzazione di un’opera che, con opportuni interventi, sarà maggiormente utile a Genova e ai territori che attraverserà questa ferrovia.

Il Terzo Valico dei Giovi è una nuova linea ad alta capacità veloce che si prefigge l’obiettivo di potenziare i collegamenti ferroviari tra il sistema portuale ligure e dell’alto Tirreno con il nord del paese e il centro nord d’Europa (Rotterdam e Anversa). La linea, infatti, nell’ambito del sistema Alta Velocità/Alta Capacità lungo l'asse Milano-Genova, fa parte del Core Network Corridor RenoAlpi., che collega le regioni europee più densamente popolate e a maggior vocazione industriale. Gli interventi consistono nella realizzazione di una nuova linea a doppio binario avente caratteristiche AV/AC tra Genova e Tortona e delle interconnessioni con la linea storica MilanoGenova e con la linea Alessandria – Novi Ligure. La nuova infrastruttura (Figura 1) si sviluppa per una lunghezza di circa 53 km, prevalentemente in galleria, ed oltre 14 km di linee di interconnessione con la rete esistente, al fine di assicurare il collegamento diretto a sud con il Nodo di Genova, i bacini portuali e la linea Genova-Ventimiglia, e a nord, nelle direzioni di Torino, Novara, Milano e Piacenza, con le linee convenzionali in prossimità di Novi Ligure e di Tortona.

planimetria terzo valico

Figura 1 – tracciato della nuova linea

L’Opera, il cui finanziamento è disposto, per norma e in via prioritaria, dal CIPE e diviene efficace al momento della registrazione della relativa delibera, è realizzata per lotti costruttivi, così suddivisi:

- 1° lotto 500 milioni (Del. CIPE 84/2010)
- 2° lotto 1.100 milioni (Del. CIPE 89/2011), ridotto con Del. CIPE 22/2013 a 860 milioni ok
- 3° lotto previsto per 1.430 milioni, ridotto con Del CIPE 56/2015 a 607 milioni ok
- 4° lotto 1.630 milioni (Del. CIPE 42/2016)
- 5° lotto 1.550 milioni (Del. Cipe 42/2016) ridotto a 1.508 con Del. CIPE 82/2017
- 6° lotto 833 milioni
- Attività pregresse 220 mln €

Alla data del 31.08.2018 sono stati avviati i primi 4 lotti costruttivi di cui 1.522 MEuro consuntivati.

ll CIPE, con la Delibera n. 82 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in data 27.07.2018, ha autorizzato la consegna da parte di RFI del Lotto 5 ed ha ridotto il costo a vita intera dell’opera a 6.158 MEuro in seguito all’approvazione della variante progettuale per l’interconnessione della nuova linea ferroviaria con la linea storica Torino-Genova, eliminando un tratto di nuova linea che passava a ovest di Novi Ligure, il cosiddetto “Shunt di Novi”. Tale variante riduce di 7 chilometri il tratto di nuova linea su terreno agricolo per passare sulla linea ferroviaria attuale che attraversa l’abitato di Novi, in questo modo creando un’interconnessione diretta fra Terzo Valico e scalo merci di San Bovo. Meno costosa dello Shunt, la variante comporta anche una minore occupazione di suolo, una riduzione dei volumi di scavo (da circa 3,4 milioni di metri cubi a 760mila) e una riduzione degli impatti idrogeologici.

...

In allegato:

Fonte: MIT

Tags: Costruzioni

Articoli correlati

Ultimi archiviati Costruzioni

Comitato di coordinamento normazione e regolazione tecnica settore delle costruzioni
Mar 15, 2019 17

Comitato di coordinamento normazione e regolazione tecnica settore delle costruzioni

Comitato di coordinamento per la normazione e regolazione tecnica nel settore delle costruzioni Il 12 marzo 2019, presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, si è insediato ed ha svolto la prima riunione il “Comitato di Coordinamento per la normazione e regolazione tecnica nel settore delle… Leggi tutto
Acciai per uso strutturale non marcati CE
Mar 08, 2019 40

Acciai per uso strutturale: Procedura di qualificazione

Acciai per uso strutturale: Procedura di qualificazione Procedura di qualificazione nei casi di non applicabilità della marcatura CE L’inizio della procedura di qualificazione deve essere preventivamente comunicato al Servizio Tecnico Centrale (STC) allegando una relazione che descriva le… Leggi tutto
Mar 05, 2019 41

D.Lgs. 30 dicembre 1992 n. 502

D.Lgs. 30 dicembre 1992 n. 502 Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell'articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421. (GU n.305 del 30-12-1992 - SO n. 137) Testo consolidato 2019 Collegati
D.P.R. 14 gennaio 1997Decreto 2 aprile 2015 n. 70
Leggi tutto
Autorizzazione alla realizzazione esercizio strutture e attivit  sanitarie
Mar 05, 2019 56

Autorizzazione alla realizzazione/esercizio strutture e attività sanitarie

Autorizzazione alla realizzazione/esercizio strutture e attività sanitarie Autorizzazione sanitaria, accreditamento istituzionale, accordi tra fornitori privati e assistenza sanitaria L’autorizzazione sanitaria è il titolo abilitativo che deve essere posseduto dalle strutture che intendono erogare… Leggi tutto
Mar 05, 2019 42

Decreto 2 aprile 2015 n. 70

Decreto Ministeriale 2 aprile 2015 n. 70 Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera. (G.U. 4 giugno 2015, n. 127) Collegati
D.P.R. 14 gennaio 1997D.Lgs. 30 dicembre 1992 n. 502
Leggi tutto
D P R  14 gennaio 1997
Mar 05, 2019 58

D.P.R. 14 gennaio 1997

D.P.R. 14 gennaio 1997 Approvazione dell’atto di indirizzo e coordinamento alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l’esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private.… Leggi tutto
Feb 22, 2019 70

D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163

Decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE(G.U. n. 100 del 2 maggio 2006)Abrogato dall'art. 217 del decreto legislativo n. 50 del 2016[box-note]Nuovo Codice Appalti: Decreto… Leggi tutto
Feb 22, 2019 77

Legge 11 febbraio 1994 n. 109

Legge 11 febbraio 1994 n. 109 Legge quadro in materia di lavori pubblici. (GU n.41 del 19-2-1994 - SO n. 29) Abrogato da D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 ___________Modifiche: 03/04/1995 DECRETO-LEGGE 3 aprile 1995, n. 101 (in G.U. 03/04/1995, n.78), convertito con modificazioni dalla L. 2 giugno… Leggi tutto

Più letti Costruzioni

NTC 2008
Set 03, 2018 12909

Decreto 14 gennaio 2008

in NTC
Decreto 14 gennaio 2008 Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni.GU n. 29 del 04.02.2008 (S.O. n° 30)____________ Art. 1. E' approvato il testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni, di cui alla legge 5 novembre 1971, n. 1086, alla legge 2 febbraio 1974, n. 64, al… Leggi tutto
Testo Unico Edilizia 2019
Feb 17, 2019 12317

D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380

Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A) GU Serie Generale n.245 del 20-10-2001 - Suppl. Ordinario n. 239 Entrata in vigore del decreto: 1-1-2002. Testo consolidato Testo Unico Edilizia |… Leggi tutto
Ott 23, 2017 10444

Circolare 2 febbraio 2009 n. 617

in NTC
Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 Istruzioni per l'applicazione delle «Nuove norme tecniche per le costruzioni» di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008. GU n. 47 del 26 febbraio 2009 - SO n. 27 Collegati
Decreto 14 gennaio 2008
Leggi tutto