Slide background
Slide background
Slide background




Mercury in Europe’s environment

ID 6881 | | Visite: 1569 | Legislazione acquePermalink: https://www.certifico.com/id/6881

Mercury in Europe s environment

Mercury in Europe’s environment

A priority for European and global action

The EEA report ‘Mercury in Europe’s environment – A priority for European and global action’ describes the problem of mercury pollution and the challenges in addressing the issue globally.

According to the report, mercury presents the biggest risk in rivers, lakes and oceans where it takes a highly toxic form that is absorbed by animals, including fish. The most recent monitoring data for water bodies shows that nearly 46 000 surface water bodies in the EU, out of approximately 111 000, are not meeting mercury levels set to protect fish-eating birds and mammals.

Humans become exposed to mercury mainly when they eat large predator fish, such as tuna or monkfish, that have been eating smaller fish with mercury in their bodies. Mercury presents a particular and significant risk to the neurological development of foetuses, newborn babies and children.

Current emissions of mercury in Europe are mostly limited to combustion of solid fuels, including coal, lignite and wood, the report says. However, globally mercury emissions are much higher, due to emissions from additional sources such as small-scale gold mining and industrial processes.

One of the main problems with mercury is its persistency, the report explains. Once it is released into the environment, for example through coal burning, mercury can circulate through air, land, water and animals for thousands of years. The current levels of mercury in the atmosphere are up to 500 % above natural levels. In the oceans, the concentrations of mercury are about 200 % above natural levels.

The report reminds that, even with immediate global action, it will take a very long time before mercury pollution declines to pre-industrial levels. As such, it is important to follow food safety advice that maximises the health benefits of eating fish while minimising exposure to mercury. In addition, consumers should pay attention to properly disposing of materials that contain mercury, such as some light bulbs and batteries, and consider alternatives to solid fuel burning for heating.

The European Union has already banned or limited the use of mercury in many products and industrial processes. The Minamata Convention on Mercury, which has as been signed by more than 120 countries and came into force in 2017, is the main global initiative to protect human health and the environment from mercury. It requires countries to put in place controls and reductions across a range of products, processes and industries where mercury is used, released or emitted.

EEA 2018

Collegati


DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Mercury in Europe s environment.pdf)Mercury in Europe s environment
EEA 2018
EN4256 kB427

Tags: Ambiente Acque Convenzione Minamata

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Mag 16, 2022 25

Direttiva 2002/63/CE

Direttiva 2002/63/CE Direttiva 2002/63/CE della Commissione, dell'11 luglio 2002, che stabilisce metodi comunitari di campionamento ai fini del controllo ufficiale dei residui di antiparassitari sui e nei prodotti alimentari di origine vegetale e animale e che abroga la direttiva 79/700/CEE GU L… Leggi tutto
Mag 16, 2022 35

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 della Commissione del 13 aprile 2021 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2022, il 2023 e il 2024, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Mag 16, 2022 26

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 della Commissione del 13 maggio 2022 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2023, il 2024 e il 2025, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Interconfronto 2020 2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d acqua dolce
Mag 11, 2022 42

Interconfronto 2020-2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce

Interconfronto 2020-2021 sulla tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce Rapporto ISPRA 364/2022 Nell’ambito delle attività di armonizzazione delle metodiche di monitoraggio biologico delle acque dolci superficiali e nella prosecuzione di un percorso di collaborazione tra le Agenzie… Leggi tutto
Mag 10, 2022 53

Decreto 8 maggio 2003 n. 203

Decreto 8 maggio 2003 n. 203 Norme affinche' gli uffici pubblici e le societa' a prevalente capitale pubblico coprano il fabbisogno annuale di manufatti e beni con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno medesimo. (GU n.180 del… Leggi tutto
Deliberazione n  05  del 21 aprile 2022
Mag 09, 2022 72

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022 ID 16587 | 09.05.2022 / In allegato Deliberazione Modifica e integrazione alla deliberazione n. 4 del 13 luglio 2016. Articolo 1 1. Il modello di accettazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà di cui all’Allegato B della deliberazione n. 4… Leggi tutto
Rome Plus
Mag 08, 2022 122

Software Rome plus siti contaminati

Software Rome plus siti contaminati / Rev. 1.1 2021 ID 16585 | Update news 08.05.2022 / Materiale allegato Il software Rome Plus (ReasOnable Maximum Exposure Plus) è stato sviluppato da ISPRA e dalle ARPA all’interno delle attività del Gruppo di Lavoro 9 bis del Sistema Nazionale Protezione… Leggi tutto
Mag 08, 2022 98

Nota tecnica SNPA utilizzo software analisi di rischio siti contaminati

Nota tecnica per SNPA sull’utilizzo dei software per l’analisi di rischio sito-specifica dei siti contaminati Analisi di rischio sanitario-ambientale L'analisi di rischio sanitario-ambientale è attualmente lo strumento più avanzato di supporto alle decisioni nella gestione dei siti contaminati che… Leggi tutto

Più letti Ambiente