Slide background
Slide background
Slide background




Protezione dell'Ozono: Quadro normativo

ID 10157 | | Visite: 1466 | Legislazione EmissioniPermalink: https://www.certifico.com/id/10157

Protezione dell Ozono   Quadro normativo

Protezione dell'Ozono: Quadro normativo

ID 10157 | 15.02.2020

Quadro normativo sulla protezione dell'Ozono nell'UE (IT), dal Protocollo di Montreal e Convenzione di Vienna (attuate in EU con Decisione 88/540/CEE. L'UE emana inoltre  il Regolamento (CE) n. 1005/2009 che va oltre i requisiti del protocollo di Montreal in diversi casi. Per per i gas a effetto serra l'UE emana il regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra. Nel 2017 la Commissione europea ha avviato una valutazione del regolamento (CE) n. 1005/2009 sull'ozono completa nel 2019 (allegata). Completa il Documento riferimenti della Legislazione IT di recepimento.

Alla fine degli anni ottanta, nel quadro del protocollo di Montreal, i governi di tutto il mondo hanno convenuto di proteggere lo strato di ozono terrestre eliminando gradualmente le sostanze che lo riducono emesse dalle attività umane. In Europa, il protocollo è attuato attraverso una legislazione a livello dell’UE che non solo consegue gli obiettivi fissati ma comporta anche misure più rigorose e ambiziose.

L’azione globale nel quadro del protocollo di Montreal ha interrotto la riduzione dello strato di ozono consentendo di avviarne il recupero, ma resta ancora molto da fare per garantire una ripresa stabile.

Il REGOLAMENTO UE SULL'OZONO

L’attuale “regolamento sull’ozono” CHE fornisce la base giuridica per la protezione dello strato di ozono nell'Unione europea (regolamento (CE) n. 1005/2009) contiene una serie di misure per assicurare obiettivi più ambiziosi. Mentre il protocollo di Montreal disciplina la produzione di queste sostanze e il loro commercio all’ingrosso, il regolamento sull’ozono ne vieta l’uso nella maggior parte dei casi (alcuni usi sono ancora autorizzati nell’UE). Inoltre, disciplina non soltanto le sostanze all’ingrosso, ma anche quelle contenute in prodotti e apparecchiature.

Il regolamento sull’ozono dell’UE stabilisce inoltre i requisiti per tutte le importazioni ed esportazioni di sostanze che riducono lo strato di ozono e regola e controlla non solo le sostanze contemplate dal protocollo di Montreal (oltre 90 sostanze chimiche), ma anche altre che non vi sono incluse (cinque sostanze chimiche aggiuntive, le cosiddette “nuove sostanze”).

Nel 2017 la Commissione europea ha avviato una valutazione del regolamento (CE) n. 1005/2009 sull'ozono (allegata), al fine di esaminarne l'attuazione e le prestazioni in tutta l'UE. La valutazione è stata completata nel 2019.

LA DECISIONE 88/540/CEE SULLA CONVENZIONE DI VIENNA

Decisione 88/540/CEE relativa alla conclusione della convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono e del protocollo di Montreal relativo a sostanze che riducono lo strato di ozono

SCOPO DELLA CONVENZIONE E DELLA DECISIONE

La Convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono stabilisce i principi per proteggere lo strato di ozono(1), in seguito ad avvertimenti scientifici che la riduzione rappresenta un pericolo per la salute umana e l’ambiente.

È una convenzione quadro che mira principalmente a promuovere la cooperazione internazionale attraverso lo scambio di informazioni sull’impatto delle attività umane sullo strato di ozono. Essa non richiede alla parti(2) di adottare misure specifiche. Queste giungeranno successivamente alla convenzione di Vienna sotto forma del Protocollo di Montreal.

La Convenzione di Vienna è stata la prima convenzione in assoluto a essere firmata da tutti i paesi coinvolti. È entrata in vigore nel 1988 e ha raggiunto la ratifica universale nel 2009.

La Decisione 88/540/CEE fornisce all’UE l’approvazione legale della convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono e del protocollo di Montreal relativo a sostanze che riducono lo strato di ozono.

PUNTI CHIAVE

Come obbligo generale, le parti devono adottare le misure appropriate per proteggere la salute umana e l’ambiente dagli effetti negativi derivanti o che potrebbero derivare da attività umane che modificano o che possono modificare lo strato di ozono. In particolare, sulla base di considerazioni scientifiche e tecniche pertinenti, le parti devono:

- prendere appropriati provvedimenti legislativi o amministrativi;
- cooperare
- - nelle osservazioni sistematiche, nella ricerca e nello scambio di informazioni per meglio comprendere le questioni interessate
- - nella formulazione di misure, procedure, norme e nell’armonizzazione delle politiche appropriate
- - con gli organismi internazionali competenti per attuare efficacemente la Convenzione e i suoi protocolli.

La ricerca sullo strato di ozono e le valutazioni scientifiche che coinvolgono le parti, direttamente o all’interno di organismi internazionali, si concentrano su:

- processi chimici e fisici;
- salute umana e altri effetti biologici, in particolare i cambiamenti nella radiazione solare ultravioletta;
- effetti climatici;
- sostanze, pratiche, processi e attività e il loro impatto cumulativo;
- effetti derivanti da eventuali modifiche dello strato di ozono;
- sostanze e tecnologie alternative;
- questioni socio-economiche correlate;
- fattori più dettagliati, quali la fisica e la chimica dell’atmosfera e sostanze chimiche specifiche, sono descritti negli allegati.

Inoltre, le parti sono tenute a:

- facilitare e incoraggiare lo scambio di informazioni scientifiche, tecniche, socio-economiche, commerciali e giuridiche pertinenti alla convenzione (l’allegato II contiene una spiegazione più dettagliata);

- cooperare, tenendo conto delle esigenze dei paesi in via di sviluppo, nel promuovere lo sviluppo e il trasferimento di tecnologia
- - aiutando i partner ad acquisire tecnologie alternative
- - fornendo le informazioni necessarie, quali manuali e guide
- - fornendo attrezzature e strutture per la ricerca
- - formando il personale scientifico e tecnico;
- - informare l’organo decisionale (la Conferenza delle parti) delle misure che hanno adottato per attuare la convenzione.

La Conferenza delle parti (in cui tutti i paesi firmatari sono rappresentati e hanno diritto di voto):

- vigilare sull’attuazione della convenzione;
- esamina le informazioni scientifiche;
- promuove adeguate politiche, strategie e misure armonizzate;
- adotta programmi di ricerca, cooperazione scientifica e tecnologica, scambio di informazioni e trasferimento di tecnologia e conoscenza;
- considera e adotta le modifiche alla convenzione e ai possibili protocolli aggiuntivi;
- se del caso, ricorre alle competenze di organismi quali l’Organizzazione meteorologica mondiale e l’Organizzazione mondiale della sanità;
- cerca di risolvere eventuali controversie sull’interpretazione o l’applicazione della convenzione mediante negoziazione o mediazione di terzi. Se non si raggiunge una soluzione, la questione può essere sottoposta a una commissione di conciliazione o alla Corte internazionale di giustizia;
- è supportata da una segreteria.

Dopo che la convenzione è rimasta in vigore per quattro anni, una parte può annunciare la propria intenzione di uscire. Ciò ha effetto un anno dopo.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICANO LA CONVENZIONE E LA DECISIONE?

- La convenzione è entrata in vigore il 22 settembre 1988.
- La decisione si applica dal 25 ottobre 1988.

CONTESTO

La Convenzione di Vienna è stata adottata il 22 marzo 1985 ed è entrata in vigore il 22 settembre 1988. Dalla sua entrata in vigore, l’azione internazionale ha ridotto del 98% il consumo globale di sostanze che riducono lo strato di ozono; tuttavia si prevede che lo strato di ozono si potrà riprendere completamente solo nella seconda metà di questo secolo.

L’UE attua la convenzione e il suo protocollo di Montreal attraverso la propria legislazione sulle sostanze che riducono lo strato di ozono e sui gas fluorurati a effetto serra - tra le più severe e avanzate al mondo con Decisione 88/540/CEE.

Il regolamento dell’UE sull’ozono (regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono), va oltre i requisiti del protocollo di Montreal in diversi casi; ad esempio:

- ha tempi di riduzione più ambiziosi;
- copre più sostanze; e
- regola anche la loro presenza nei prodotti e nelle attrezzature (non solo sfusi come nel protocollo di Montreal).

Il regolamento UE sui gas fluorurati (regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra) prevede una riduzione più ambiziosa nell’UE per i gas a effetto serra applicabile già dal 2015 e copre i gas a effetto serra nei prodotti e nelle apparecchiature (non solo sfuse come nel Protocollo di Montreal).

Per ulteriori informazioni, si consulti:
Protezione dello strato di ozono (Commissione Europea)

(1) Strato di ozono: lo strato di ozono atmosferico presente al di sopra dello strato limite del pianeta.
(2) Parte: uno Stato che ha ratificato la convenzione.

DOCUMENTI PRINCIPALI

Convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono (GU L 297 del 31.10.1988, pag. 10).

Decisione 88/540/CEE del Consiglio, del 14 ottobre 1988, relativa alla conclusione della convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono e del protocollo di Montreal relativo a sostanze che riducono lo strato di ozono (GU L 297 del 31.10.1988, pag. 8).

DOCUMENTI CORRELATI

Regolamento (CE) n. 1005/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, sulle sostanze che riducono lo strato di ozono (GU L 286 del 31.10.2009, pag. 1).

Protocollo di Montreal relativo a sostanze che riducono lo strato di ozono — Dichiarazione della Comunità economica europea (GU L 297 del 31.10.1988, pag. 21).

Decisione 82/795/CEE del Consiglio, del 15 novembre 1982, sul rafforzamento delle misure precauzionali riguardanti i clorofluorocarburi nell’ambiente (GU L 329 del 25.11.1982, pag. 29).

Decisione 80/372/CEE del Consiglio del 26 marzo 1980, relativa ai clorofluorocarburi nell’ambiente (GU L 90 del 3.4.1980, pag. 45).

Regolamento (UE) n. 517/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento (CE) n. 842/2006 (GU L 150 del 20.5.2014, pag. 195).

LEGISLAZIONE PRINCIPALE IT

Legge 4 luglio 1988, n. 277 Ratifica ed esecuzione della convenzione per la protezione della fascia d'ozono, con allegati, adottata a Vienna il 22 marzo 1985, nonche' di due risoluzioni finali adottate in pari data. (GU n.170 del 21-7-1988 - S.O. n. 64)

Legge 28 dicembre 1993 n. 549 Misure a tutela dell'ozono stratosferico e dell'ambiente.  (GU n.305 del 30-12-1993)

D.P.R. 16 novembre 2018, n. 146 Regolamento di esecuzione del Regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento (CE) n. 842/2006.(GU n.7 del 09-01-2019)

D.Lgs. 5 dicembre 2019 n. 163 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento (CE) n. 842/2006.

D.Lgs. 13 settembre 2013 n. 108 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono. (GU n.227 del 27-09-2013)
...
segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 00 2020
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Pin It


Tags: Ambiente Abbonati Ambiente Ozono

Ultimi archiviati Ambiente

Il declino delle api e impollinatori  Riposte alle domande pi  frequenti
Lug 02, 2020 21

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti Quasi il 90% delle piante selvatiche che fioriscono e oltre il 75% delle principali colture agrarie esistenti necessitano dell'impollinazione animale per produzione, resa e qualità dei prodotti. Essi sono essenziali per… Leggi tutto
Giu 25, 2020 97

Direttiva 2013/12/UE

Direttiva 2013/12/UE Direttiva 2013/12/UE del Consiglio, del 13 maggio 2013, che adatta la direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sull’efficienza energetica, in conseguenza dell’adesione della Repubblica di Croazia GU L 141 del 28.5.2013 Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Giu 25, 2020 87

Raccomandazione (UE) 786/2019

Raccomandazione (UE) 786/2019 Al fine di agevolare il recepimento entro il 10/03/2020 della Direttiva 30/05/2018 n.844 (recante le disposizioni modificative e integrative della Direttiva sulla Prestazione energetica nell’edilizia 2010/31/UE recepita in Italia con la L.90), è stata pubblicata nella… Leggi tutto
Linee guida licheni
Giu 23, 2020 64

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori ISPRA, 23.06.2020 Queste linee guida sono basate sulla revisione delle migliori pratiche e dei risultati di recenti studi metodologici e applicativi. Esse riguardano l’utilizzo di licheni epifiti (bioaccumulo mediante licheni nativi e… Leggi tutto
DIRETTIVA 2004 101 CE
Giu 17, 2020 64

Direttiva 2004/101/CE

Direttiva 2004/101/CE Direttiva 2004/101/CE del Parlamento europeo e Del consiglio del 27 ottobre 2004 recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, riguardo ai meccanismi di progetto del Protocollo… Leggi tutto
D LGS 4 APRILE 2006 N  216
Giu 17, 2020 76

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216 Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunita', con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto. (GU n.140 del 19-6-2006 - Suppl. Ordinario n. 150 ) Entrata in vigore… Leggi tutto
Decisione 2014 746 UE
Giu 16, 2020 88

Decisione 2014/746/UE

Decisione 2014/746/UE Decisione del 27 ottobre 2014 che determina, a norma della direttiva 2003/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, un elenco dei settori e dei sottosettori ritenuti esposti a un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio per il periodo dal 2015 al… Leggi tutto

Più letti Ambiente