Slide background
Slide background
Slide background




Raccomandazioni progettazione discariche

ID 7484 | | Visite: 1939 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/7484

Progettazione discariche

Raccomandazioni tecniche per progettazione geotecnica e strutturale discariche

Una discarica è un sistema progettato e costruito per contenere rifiuti così da minimizzare il rilascio di contaminanti nell’ambiente. E’ fondamentale quindi che venga garantita nel tempo l’integrità delle strutture in essa presenti (sistema di drenaggio del percolato, sistema di captazione del biogas, sistemi barriera, capping).

Il presente lavoro è un’analisi dei fattori di rischio geotecnico-strutturali con particolare riferimento ai cedimenti del corpo rifiuti.

Mentre infatti la stabilità del suolo su cui è posta la discarica è accuratamente studiabile facendo riferimento alle equazioni consolidate della geotecnica, la stabilità del corpo rifiuti è ancora oggetto di studio per le difficoltà presenti nella determinazione delle proprietà geotecniche dei rifiuti solidi urbani dovute a:

- eterogeneità dei rifiuti
- difficoltà per reperire campioni rappresentativi
- mancanza di procedure unificate di campionamento
- variabilità delle proprietà dei rifiuti nel tempo anche in funzione del sistema di abbancamento, dei pretrattamenti effettuati e della presenza dello strato di copertura giornaliero.

Tutti questi fattori sono stati analizzati e presentati alla luce delle recenti scoperte scientifiche, sono state illustrate le caratteristiche geotecniche dei rifiuti e sono stati illustrati i modelli per il calcolo dei cedimenti.

Questi modelli offrono un’ottima riproduzione dei processi deformativi nelle analisi a posteriori di casi reali, ma presentano difficoltà notevoli nell’applicazione in fase progettuale.

Una determinazione in fase antecedente all’esercizio permetterebbe non solo di garantire la sicurezza delle strutture presenti nel corpo discarica ma anche una precisa determinazione delle metodologie di coltivazione che offrano una massimizzazione dei volumi utili di abbancamento, con notevoli ed evidenti risvolti economici.

La soluzione studiata attualmente in campo scientifico è la determinazione del legame fra compressione secondaria e degradazione del rifiuto, come previsto dai modelli di calcolo dei cedimenti, in modo che la conoscenza a priori della prima possa portare ad una efficace determinazione della seconda.

Per ottenere questo saranno però necessarie ulteriori osservazioni di lungo periodo.

1. INTRODUZIONE
2. PRODUZIONE DI BIOGAS E DI PERCOLATO
2.1 Il biogas
2.1.1 Composizione del biogas
2.1.2 Drenaggio ed estrazione del biogas
2.2 Composizione e formazione di percolato
2.2.1 Composizione del percolato e bilancio idrologico nelle discariche
2.2.2 Metodo di bilancio di acqua mensile
2.2.3 Stime della quantità e altezza del percolato
2.2.3 Stime della quantità e altezza del percolato
2.2.4 Drenaggio e sistemi di raccolta del percolato
3 I SISTEMI BARRIERA
3.1 I sistemi barriera di base
3.1.1 Obiettivi
3.1.2 Caratteristiche costruttive
3.2 I sistemi di copertura superficiale
3.2.1 Obiettivi
3.2.2 Caratteristiche costruttive
4. TIPI DI MATERIALI PER BARRIERE
4.1 Le argille compatte
4.1.1 Argilla-geosintetico
4.2 Membrane polimeriche: geomembrane
4.2.1 I geotessili
4.3 L’utilizzo del geosintetico nelle discariche
5. MECCANISMI DI DETERIORAMENTO DEI MATERIALI
5.1 Interazioni fisicochimiche
5.1.1 Flocculazione dei materiali per barriere
5.1.2 Dissoluzione dei suoli barriera
5.1.3 Rotture delle barriere di materiali addensati
5.1.4 Pendii esposti fratturati da scorrimento
5.1.5 Deterioramento dei materiali polimerici
5.2 Eventi transitori (catastrofici)
6. FLUSSO E TRASPORTO ATTRAVERSO LE BARRIERE
6.1 Trasporto di massa attraverso le barriere
6.2 Importanza dell’ avvezione e della dispersione
6.3 Sorbimento , diffusione e dispersione delle barriere minerali
6.3.1 Sorbimento
6.3.2 Dispersione-Diffusione
6.4 Trasporto attraverso le geomembrane
7 STABILITA’ DEI SISTEMI DI CONTENIMENTO
7.1 La stabilità delle interfacce
7.2 Cedimento
8 ANALISI DELLA STABILITA’ DINAMICA
9 LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA DI UNA DISCARICA CONTROLLATA
9.1 Premesse
9.2Caratterizzazione del rifiuto
9.2.1 Indagini in situ
9.2.2 Classificazione dei rifiuti
9.3 Parametri geotecnici dei rifiuti
9.3.1 Peso dell’unità di volume
9.3.2 Contenuto di umidità
9.3.3 Permeabilità
9.3.4 Resistenza al taglio
9.3 Compressibilità dei rifiuti solidi urbani
9.2 Calcolo dei cedimenti
9.2.1 Modelli per il calcolo dei cedimenti:
9.2.3 Effetti dei pretrattamenti
9.2.4 Effetti della costipazione
9.2.5 Effetti dello strato di copertura giornaliero
9.2.6 Effetti della biodegradazione
9.3 Modelli per verifiche di stabilità
BIBLIOGRAFIA

ISPRA 2008

Collegati

Pin It


Tags: Ambiente Abbonati Ambiente Discariche

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Indicazioni formazione operatori turistici minerari
Feb 19, 2020 19

Indicazioni per la formazione di operatori turistici minerari

Indicazioni per la formazione di operatori turistici minerari Pubblicazione della ReMi - Quaderni ISPRA Ambiente e Società 21/2020 Nell’ambito delle attività previste dal Comitato della Rete Nazionale dei Parchi e Musei Minerari, si propone il primo Quaderno ReMi che riporta delle indicazioni… Leggi tutto
Legge 8 Luglio 1986 n  349
Feb 18, 2020 18

Legge 8 Luglio 1986 n. 349

Legge 8 Luglio 1986 n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale. (GU n.162 del 15-7-1986 - Suppl. Ordinario n. 59) ________ In allegato Testo consolidato 2020 riservato Abbonati con le modifiche/abrogazioni di cui: 04/03/1987 LEGGE 3 marzo 1987, n. 59 (in… Leggi tutto
Circolare n  2 del 13 febbraio 2020
Feb 17, 2020 30

Circolare Albo Nazionale Gestori Ambientali n. 2 del 13 febbraio 2020

Circolare n. 2 del 13 febbraio 2020 Albo Nazionale Gestori Ambientali Chiarimenti sull’attività di spazzamento meccanizzato di aree private e successivo trasporto del rifiuto derivante dalla stessa Il Comitato Nazionale ha chiarito che non sussiste l'obbligo di iscrizione all'Albo per la specifica… Leggi tutto
Feb 15, 2020 52

D.Lgs. 13 settembre 2013 n. 108

D.Lgs. 13 settembre 2013 n. 108 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono. (GU n.227 del 27-09-2013) Testo consolidato allegato con le modifiche apportate da: 24/06/2014 DECRETO-LEGGE 24… Leggi tutto
Feb 15, 2020 49

Decisione 82/795/CEE

Decisione 82/795/CEE Decisione 82/795/CEE del Consiglio, del 15 novembre 1982, sul rafforzamento delle misure precauzionali riguardanti i clorofluorocarburi nell'ambiente GU L 329 del 25.11.1982 Vedi Documento: Collegati[box-note]Protocollo di MontrealConvenzione di Vienna per la protezione dello… Leggi tutto
Protollo di Montreal
Feb 15, 2020 91

Protocollo di Montreal

Protocollo di Montreal ID 10159 | 15.02.2020 Il Protocollo di Montreal è lo strumento operativo dell'UNEP, il Programma Ambientale delle Nazioni Unite, per l'attuazione della Convenzione di Vienna "a favore della protezione dell'ozono stratosferico". Entrato in vigore nel gennaio 1989, ad oggi, è… Leggi tutto
Feb 15, 2020 47

Legge 4 luglio 1988 n. 277

Legge 4 luglio 1988, n. 277 Ratifica ed esecuzione della convenzione per la protezione della fascia d'ozono, con allegati, adottata a Vienna il 22 marzo 1985, nonche' di due risoluzioni finali adottate in pari data. (GU n.170 del 21-7-1988 - S.O. n. 64) Vedi Documento: Collegati[box-note]Protezione… Leggi tutto
Feb 15, 2020 77

Decisione 88/540/CEE

Decisione 88/540/CEE Decisione del 14 ottobre 1988 relativa alla conclusione della convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono e del protocollo di Montreal relativo a sostanze che riducono lo strato di ozono.[box-info]Atto legaleLa decisione 88/540/CEE fornisce all’UE… Leggi tutto

Più letti Ambiente