Slide background
Slide background
Slide background




FAQ su terre e rocce da scavo - D.P.R. 120/2017

ID 16656 | | Visite: 455 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/16656

FAQ terre e rocce da scavo

FAQ su terre e rocce da scavo - D.P.R. 120/2017 / Raccolta Maggio 2022

ID 16656 | 17.05.2022 / Documento FAQ completo in allegato ARPA VE

Raccolta FAQ sulla disciplina propria delle terre e rocce da scavo, di cui al D.P.R. 120/2017, regolamento recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo, ai sensi dell’articolo 8 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164 (GU n. 183 del 07.08.2017).

Con il D.P.R. 120/2017 viene effettuato un riordino della disciplina delle terre e rocce da scavo con particolare riferimento a:

- gestione delle terre e rocce da scavo qualificate come sottoprodotti
- deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti
- utilizzo nel sito di produzione di terre e rocce da scavo escluse rifiuti
- gestione delle terre e rocce da scavo nei siti oggetto di bonifica

Le Dichiarazioni previste:
Dichiarazione di avvenuto utilizzo (D.A.U.) (articolo 7)
Documento di trasporto (articolo 6)
Dichiarazione di utilizzo di cui all’articolo 21 (articolo 21)

In calce all'articolo FAQ su terre e rocce da scavo - documento completo riservato Abbonati Ambiente

...

FAQ Sommario

LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU' FREQUENTI

- Quali sono le differenze sostanziali dal punto di vista operativo rispetto alla normativa precedente (art.41 bis)?
- Quali sono i materiali da scavo interessati dal DPR 120/2017?
- Cosa si intende per normali pratiche industriali?
- Quali sono i limiti quantitativi che comportano diversi obblighi per la gestione?
- Le attività di scavo e di utilizzo per cui si presenta la dichiarazione devono già essere autorizzate?
- Per opere non VIA/AIA, in quale momento dell’iter di approvazione e realizzazione del progetto dell’intervento che prevede lo scavo deve essere presentata la dichiarazione?
- Cosa fare in caso di superamento dei limiti attribuibile a fondo naturale?
- La dichiarazione richiede un’approvazione?
- Se i lavori di scavo in un cantiere sono iniziati prima del 22 agosto 2017 ed è stata effettuata l’indagine ambientale, i campionamenti e la compilazione dei MOD1 e 2 secondo quanto previsto dalla normativa all'epoca vigente; considerato che lo scavo è stato effettuato e si sta procedendo alla fine dei lavori, è necessario compilare ed inviare ad ARPA regionale di competenza la Dichiarazione di Avvenuto Utilizzo ai sensi dell'art. 7 del DPR 120/2017 in luogo del MOD 2 di cui alla precedente normativa?
- Quando possono iniziare i lavori di movimentazione delle terre e rocce?
- Può essere conferito terreno da scavo (valori entro colonna A) ad un privato che necessita di pochi metri cubi di materiale per la sistemazione del proprio giardino? In caso affermativo come deve essere compilata la dichiarazione di utilizzo non avendo questo tipo di intervento alcun titolo autorizzativo?
- Se ho intenzione di avviare le terre da scavo a smaltimento come rifiuto devo inviare la dichiarazione ai sensi dell’art. 21 del DPR 120/2017?

MODALITA' DI INVIO E MODIFICA DELLA DICHIARAZIONE

- A chi deve essere inviata la dichiarazione?
- Come deve essere inviata la dichiarazione obbligatoria per il riutilizzo fuori cantiere dei materiali di scavo prevista dall’art. 21 del DPR 120/2017?
- Sono possibili delle modifiche rispetto a quanto dichiarato nella dichiarazione di utilizzo?
- Attraverso la nuova procedura online, è sufficiente la compilazione / validazione / approvazione online della pratica, oppure è necessario comunque inviare anche una posta certificata con il modello firmato scannerizzato in pdf?
- È richiesto il re-invio della dichiarazione di utilizzo solo qualora le variazioni apportate al progetto originale comportino variazioni nei volumi di scavo o anche per modifica di altri requisiti e condizioni?
- Nell’ambito della richiesta del permesso a costruire il comune mi chiede di consegnare anche la dichiarazione di utilizzo per la gestione delle terre e rocce da scavo. Come faccio ad indicare nella dichiarazione gli estremi del titolo autorizzativo se ancora non ho ottenuto il permesso?

DOCUMENTI DI TRASPORTO

- Quale documentazione è necessaria per il trasporto del materiale di scavo?
- L’allegato 7 al DPR 120/2017 - Documento di trasporto - deve esse utilizzato esclusivamente il modello nella stesura presente nella Gazzetta Ufficiale o può essere condensato, mantenendo gli stessi contenuti, in un'unica facciata di formato A4?

RIUTILIZZO COMPLETO IN SITO

- Come si fa a dimostrare che non è contaminato il materiale scavato che deve essere interamente riutilizzato in cantiere?
- Se il materiale scavato viene riutilizzato completamente all’interno dello stesso cantiere nel quale è stato scavato è necessario compilare ed inviare la dichiarazione?
- Nel caso di riutilizzo nello stesso sito di produzione dove nel raggio di 300 e 400 m ho la presenza di due analisi (da database ARPA regionale), posso utilizzarle per dimostrare la non contaminazione?
- Se non invio la dichiarazione all’ARPA perché riutilizzo tutto il materiale nel cantiere di produzione devo inviare i risultati delle analisi?

RIUTILIZZO IN PROCESSO PRODUTTIVO

- Tra le destinazioni a processo produttivo può essere compreso anche il conferimento ad impianto di vagliatura inerti?
- Una fornace può ritirare argilla proveniente da scavo, per la produzione di manufatti, con valori delle concentrazioni soglia di contaminazione compresi tra colonna A e B (in genere il parametro che supera i valori della colonna A è l’Arsenico)? Se sì deve avere qualche particolare autorizzazione?

ACCERTAMENTI ANALITICI

- Quando è necessario fare le analisi della terra da scavare?
- Le analisi eseguite su terre e rocce da scavo per un piano di lottizzazione o PUA possono essere utilizzate successivamente anche per gli scavi di fondazione nei singoli lotti?
- Nel caso tra i materiali di scavo si sia riscontrata la presenza di materiali di riporto quali accertamenti è necessario fare ai fini del loro riutilizzo?

DEPOSITO INTERMEDIO

- Se ho del materiale di scavo in deposito temporaneo riferibile a specifici permessi di scavo e richiesta di deposito temporaneo sul quale sono state eseguite le analisi, posso avviarlo a riutilizzo ai sensi dell’art. 21 del DPR 120/2017?
- Se non si conosce la destinazione finale del materiale di scavo si può indicare nella dichiarazione solo il sito di deposito intermedio?

MIGLIORAMENTI FONDIARI

Nel caso l’intervento di scavo sia previsto nell’ambito di un miglioramento fondiario è sufficiente presentare la dichiarazione per procedere con l’esecuzione dei lavori?

CONTROLLI ARPA REGIONALE

- ARPA può richiedere chiarimenti o integrazioni?
- ARPA deve effettuare controlli?

...

Fonte: ARPA regione Veneto

Vedi vademecum terre e rocce da scavo

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato FAQ terre e rocce da scavo - DPR 120 2017 Rev. 0.0 2022.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2022
258 kB 87

Tags: Ambiente Rifiuti Abbonati Ambiente Suolo

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Giu 30, 2022 66

Legge 17 maggio 2022 n. 61

Legge 17 maggio 2022 n. 61 Norme per la valorizzazione e la promozione dei prodotti agricoli e alimentari a chilometro zero e di quelli provenienti da filiera corta. (GU n.135 del 11.06.2022) Entrata in vigore: 26.06.2022 ... Collegati[box-note]ebook Codice Contratti PubbliciTUA | Testo Unico… Leggi tutto
Giu 27, 2022 47

Regolamento delegato (UE) 2019/807

Regolamento delegato (UE) 2019/807 Regolamento delegato (UE) 2019/807 della Commissione, del 13 marzo 2019, che integra la direttiva (UE) 2018/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la determinazione delle materie prime a elevato rischio di cambiamento indiretto di… Leggi tutto
Giu 27, 2022 93

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/996

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/996 Regolamento di esecuzione (UE) 2022/996 della Commissione del 14 giugno 2022 recante norme per verificare i criteri di sostenibilità e di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e i criteri che definiscono il basso rischio di cambiamento indiretto… Leggi tutto
Giu 26, 2022 45

Decreto 28 aprile 1998 n. 406

Decreto 28 aprile 1998 n. 406 Regolamento recante norme di attuazione di direttive dell'Unione europea, avente ad oggetto la disciplina dell'Albo nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti. (GU n.276 del 25.11.1998) Entrata in vigore della legge: 10.12.1998… Leggi tutto
Linee guida SNPA 42 2022
Giu 20, 2022 106

Linee Guida applicazione metodica valutazione dell’eutrofizzazione nelle acque di transizione

Linee Guida per l’applicazione della metodica per la valutazione dell’eutrofizzazione nelle acque di transizione ID 16895 | 20.06.2022 / In allegato Linee guida Linee Guida SNPA n. 42/2022 La presente Linea Guida fornisce gli elementi tecnici per l’applicazione della metodologia per la valutazione… Leggi tutto

Più letti Ambiente