Risultati eurobarometro sulla sicurezza chimica

ID 4145 | | Visite: 1817 | Documenti Chemicals UEPermalink: https://www.certifico.com/id/4145

Temi: Reach

Risultati eurobarometro sulla sicurezza chimica

8 maggio 2017

Il commissario Bieńkowska presenta i risultati del sondaggio Eurobarometro sulla sicurezza chimica nel suo discorso alla forum sostanze chimiche di Helsinki.

Lo studio rivela l'impatto di REACH ha avuto nella vita dei suoi 10 anni. Il 1 ° giugno 2007, il regolamento REACH, pietra angolare della legislazione UE sulle sostanze chimiche, è entrato in vigore. Uno dei motivi per lo sviluppo di REACH è stato quello di migliorare la fiducia dei cittadini nel quadro normativo dell'UE e la sicurezza dei prodotti.

Il 44% dei cittadini europei ritiene che la sicurezza delle sostanze chimiche contenute nei prodotti è migliorata negli ultimi 10-15 anni. Essi hanno anche un più elevato livello di fiducia nei prodotti fabbricati nell'UE rispetto a quelli importati dall'esterno.
Due terzi dei cittadini si sentono preoccupati di essere esposti a sostanze chimiche pericolose, mentre in generale, i cittadini del Nord Europa si sentono meglio informati circa i potenziali pericoli di sostanze chimiche di cittadini in Europa meridionale. Le principali fonti di informazioni utilizzate dal pubblico per ottenere tali informazioni sono le etichette dei prodotti e dei media.

La percezione della sicurezza variano notevolmente tra i paesi dell'UE, anche se quasi la metà degli intervistati ritiene che i prodotti chimici sono sicuri per la salute umana e l'ambiente. Di conseguenza, la metà degli intervistati ha dichiarato che l'attuale livello di regolamentazione e gli standard nella UE non è abbastanza alta e dovrebbe essere aumentato.

Due su tre intervistati sanno che se chiedono se un prodotto contiene sostanze chimiche particolarmente pericolose, il venditore è tenuto per legge a informarli. Solo una piccola minoranza non pensa che questo sia il caso.
Ci sono diverse percezioni di chi ha attualmente e che dovrebbe avere la responsabilità di garantire la sicurezza delle sostanze chimiche contenute nei prodotti di consumo nell'UE. Tre su dieci intervistati ritiene questa responsabilità attualmente risiede con molteplici attori (ad esempio autorità UE, le autorità nazionali o produttori), mentre più di 4 su 10 intervistati ritiene che tale responsabilità dovrebbe spettare più di un attore.

La pietra angolare di informazioni sulla sicurezza è l'etichetta, come disciplinato dal regolamento CLP dell'UE. Consapevolezza e comprensione di pittogrammi di pericolo sull'etichetta CLP, varia da pittogrammi. Essi sono piuttosto alti per alcuni pittogrammi, soprattutto per il pittogramma 'infiammabilità', ma solo 1 su 5 dicono di aver visto il grave pericolo per la salute pittogramma prima, e solo 1 in 6 conoscere il significato del pittogramma punto esclamativo.

Questa indagine contribuisce alla Commissione di valutazione REACH REFIT e al controllo di idoneità della legislazione chimica (esclusa REACH) , che fornisce informazioni sulla percezione del pubblico in generale della sicurezza chimica. La dimensione del campione di destinazione nella maggior parte dei paesi era di 1.000 interviste. In totale, sono state condotte interviste 28.157.

Fonte: Commissione europea

Normativa collegata:

REGOLAMENTO (CE) N. 1907/2006 REACH

Scarica questo file (Special Eurobarometer 456 Chemical safety.pdf)Special Eurobarometer 456 Chemical safety.pdfREACHEN10999 kB(363 Downloads)

Tags: Reach