Slide background

Nuovo Regolamento DPI e Testo Unico Sicurezza

ID 3304 | | Visite: 5498 | Documenti Riservati SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/3304

Nuovo regolamento DPI e Testo Unico Sicurezza

Focus

Documento di raccordo tra il nuovo Regolamento DPI (UE) 2016/425 (Prodotto) ed il Testo Unico Sicurezza D.Lgs 81/2008 Titolo III - Uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale DPI (Utilizzo), che è entrato in vigore il 20 Aprile 2016 e che si applica a decorrere dal 21 aprile 2018.

1. Requisiti dei DPI D.Lgs 81/08

All’art. 76 del Testo Unico, il legislatore elenca i requisiti dei DPI che devono:

- essere conformi alle norme di cui al decreto legislativo 4 dicembre 1992 n. 475, e sue successive modificazioni ed:
- essere adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare di per sé un rischio maggiore;
- essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro;
- tenere conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore;
- poter essere adattati all’utilizzatore secondo le sue necessità;
- essere tra loro compatibili e tali da mantenere, anche nell’uso simultaneo, la propria efficacia nei confronti del rischio e dei rischi corrispondenti, in caso di rischi multipli che richiedono l’uso simultaneo di più DPI.



Fig. 1 Requisiti dei DPI D.Lgs 81/08

Il datore di lavoro, all’atto dell’acquisto dei DPI, deve verificare che vi sia disponibile la documentazione prevista per il dispositivo e precisamente:

- Marcatura CE;
- Nota informativa rilasciata dal produttore;

I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro.

Al fine di comprendere che l’uso dei DPI rappresenta l’ultima misura di prevenzione adottabile, quando ovvero permane un rischio residuo, si riporta una illustrazione, comunemente a forma di triangolo, relativo alla gerarchia delle misure di prevenzione, utilizzato nell'industria come sistema per minimizzare o eliminare l'esposizione ai rischi.



Fig. 2 Gerarchia delle misure di prevenzione

2DPI conformi Regolamento (UE) 2016/425

Il decreto legislativo 4 dicembre 1992, n. 475 (menzionato nel D.Lgs. 81/2008) è il recepimento della Direttiva DPI 89/686/CEE, che è abrogata, a decorrere dal 21 aprile 2018, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 31 marzo 2016, L 81/51 del nuovo Regolamento (UE) 2016/425.

Tale regolamento è entrato in vigore il 20 Aprile 2016, ma si applicherà a decorrere dalla predetta data di abrogazione della Direttiva 89/686/CEE, fatto salvo per le eccezioni rappresentate:

1) dagli articoli da 20 a 36 e dall'articolo 44 che si applicheranno a decorrere dal 21 ottobre 2016;
2) dall'articolo 45, paragrafo 1, che si applicherà a decorrere dal 21 marzo 2018.

In base al Nuovo Regolamento (UE) 2016/425 i DPI sono messi a disposizione sul mercato solo se, laddove debitamente mantenuti in efficienza e usati ai fini cui sono destinati, soddisfano il presente regolamento e non mettono a rischio la salute o la sicurezza delle persone, gli animali domestici o i beni.

I fabbricanti, all'atto dell'immissione sul mercato dei DPI, garantiscono che siano stati progettati e fabbricati conformemente ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza di cui all'allegato II.

I fabbricanti:
- redigono la documentazione tecnica ed
- eseguono o fanno eseguire la pertinente procedura di valutazione della conformità.

Qualora la conformità di un DPI ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili sia stata dimostrata secondo la procedura appropriata, i fabbricanti:
- redigono la dichiarazione di conformità UE a norma e
- appongono la marcatura CE.



Fig. 3 Categorie di Rischio DPI

Per la realizzazione di un DPI è necessaria l’applicazione di una norma tecnica, mentre la sua consultazione può risultare di aiuto nella selezione del dispositivo da parte del datore di lavoro.

3. DPI guanti EN 420

Di seguito si riportano a titolo esemplificativo le norme tecniche utilizzate per DPI guanto contro rischi meccanici.

I requisiti generali e fondamentali per i guanti sono individuati dalla Norma EN 420:2003 - Guanti di protezione requisiti generali e metodi di prova

La presente norma definisce i requisiti generali della maggior parte dei guanti di protezione in termini di design e fabbricazione, innocuità, comfort ed efficienza, marcatura e informazione applicabili a tutti i guanti di protezione.

3.1 Requisiti

Fabbricazione e design

-  I guanti devono offrire il più alto grado possibile di protezione nello svolgimento del lavoro
-  Le cuciture eventualmente presenti sul guanto non devono diminuire le prestazioni generali dello stesso

Innocuità

- I guanti non devono creare rischi per l’utilizzatore
- Il valore del PH del guanto deve essere fra 3,5 e 9,5.

Comfort

La confortevolezza è legata alla taglia, e quindi alla misura, delle mani e dei guanti. Le taglie dei guanti sono definite sulla base di due caratteristiche dimensionali delle mani:
- Circonferenza;
- Lunghezza.

Destrezza

La destrezza offerta dal guanto dovrebbe essere la massima possibile. Dipende da vari fattori quali lo spessore del materiale , la sua elasticità e la sua deformabilità.

Istruzioni per la pulizia

Nel caso in cui vengano fornite istruzioni per il lavaggio, il massimo numero di cicli di lavaggio raccomandati non deve pregiudicare i livelli di prestazione dei guanti.

Permeabilità e assorbimento del vapore acqueo

I guanti devo permettere la permeabilità al vapore acqueo. Qualora le caratteristiche del DPI impediscano o escludano la permeabilità al vapore acqueo, il DPI dovrà essere progettato per ridurre il più possibile gli effetti della traspirazione. L’assorbimento del vapore acqueo deve essere almeno 8 mg/cm2 per 8 ore.

3.2 Marcatura e Informazioni

La marcatura dei guanti

Su ogni guanto devono figurare:

- Il nome del produttore;
- La denominazione e la taglia del guanto;
- La marcatura CE;
- Pittogrammi specifici seguiti dai relativi indici di prestazione e norma EN di riferimento.

Fig. 4 Marcatura guanti EN 420


Indice

1. Premessa
2. Requisiti dei DPI D.Lgs 81/08
3. DPI conformi Regolamento UE 2016/425
3.1 Categorie di rischio DPI
3.2 Requisiti essenziali di salute e sicurezza (RESS)
3.3 Norme armonizzate e presunzione di conformità ai requisiti essenziali
4. Processo di marcatura
4.1 Documentazione tecnica Allegato III
4.2 Istruzioni e informazioni
4.3 Il certificato di esame UE del tipo
4.4 Procedure di valutazione conformità’ DPI
4.5 Marcatura di conformità CE
4.6 Dichiarazione di conformità UE - ALLEGATO IX
5. Utilizzo dei DPI
5.1 Segnali di obbligo o prescrizione DPI
6. Obblighi del datore di lavoro
7. La scelta dei DPI
7.1 Valutazione dei rischi
7.2 Principali fattori di rischio
7.3 Stima del rischio
7.4 Documento valutazione rischi
7.5 Criteri per l’individuazione e l’uso
8. Regole di approvvigionamento
9. Conservazione in efficienza
10. Informazione, formazione, addestramento
11. Consegna dei DPI
12. Aspetto sanzionatorio

Autore: Certifico Srl
Pag.: 58
Formato: pdf
Copiabile/stampabile: SI
Rielaborazione autorizzata: SI
Ed: 2016

Matrice Revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
00 Dicembre 2016 -- Certifico Srl

Pubblicato il Nuovo Regolamento DPI: Regolamento (UE) 2016/425



Tags: Sicurezza lavoro Dispositivi Protezione Individuale DPI Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Feb 18, 2018 12

Nota DCPREV prot. n. 8879 del 4 luglio 2012

Nota DCPREV prot. n. 8879 del 4 luglio 2012 OGGETTO: Sistemi di protezione attiva antincendio a Sprinkler realizzati secondo norme di riferimento diverse dalla EN 12845. In riferimento ai quesiti pervenuti con le note indicate a margine ed inerenti l'argomento in oggetto, sentite al riguardo le… Leggi tutto
Manuale Sicurezza settore refrattari
Feb 16, 2018 48

Manuale per la Sicurezza nel settore Refrattari

Manuale per la Sicurezza nel settore Refrattari Il Manuale Refrattari esce per ora come documento tecnico, elaborato da un Gruppo di lavoro di esperti che rappresentano le aziende associate a Confindustria Ceramica. I Manuali per la Sicurezza si contraddistinguono per il metodo rigoroso e per la… Leggi tutto
Cheope CLP
Feb 16, 2018 65

La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico

La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico Dall’entrata in vigore del D. Lgs. 626/94, ormai più di 16 anni fa, l’approccio alla sicurezza e igiene del lavoro basato sulla valutazione del rischio è entrato nella mentalità di tutti gli operatori del settore e, di conseguenza, nel modo di gestire questi… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Feb 16, 2018 63

Cassazione Penale Sent. Sez. 3 Num. 7009 | 14 Febbraio 2018

Lavori di saldatura: mancanza idoneo impianto di aspirazione per la cattura dei fumi Cassazione Penale Sez. 3 del 14 febbraio 2018 n. 7009 Penale Sent. Sez. 3 Num. 7009 Anno 2018Presidente: ROSI ELISABETTARelatore: MACRI' UBALDAData Udienza: 30/11/2017 [panel]Fatto1. Con sentenza in data 27.4.2017… Leggi tutto
Rettifica direttiva  2017 2398
Feb 14, 2018 59

Rettifica direttiva (UE) 2017/2398

Rettifica direttiva (UE) 2017/2398 Rettifica della direttiva (UE) 2017/2398 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2017, che modifica la Direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Ott 11, 2017 44181

Modello Piano Operativo Sicurezza POS compilabile

Modello Piano Operativo di Sicurezza POS compilabile Formato doc Il Piano Operativo di Sicurezza (P.O.S.) è il documento che un datore di lavoro deve redigere prima di iniziare le attività operative in un cantiere temporaneo o mobile di cui all'articolo 89, lettera h ed i cui contenuti minimi sono… Leggi tutto
Gen 09, 2018 17665

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico La norma UNI EN 689:1997 è la principale norma tecnica di riferimento per la valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro. Tale norma indica strategie e metodologie per misurare la concentrazione degli agenti chimici, mettere in… Leggi tutto