Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Infrastrutturazione digitale del territorio in banda Ultra Larga

ID 5587 | | Visite: 95 | Documenti impianti ENTIPermalink: https://www.certifico.com/id/5587

Quaderno Anci 10 gennaio 2018

Infrastrutturazione digitale del territorio in banda Ultra Larga

Quaderno ANCI - 10 Gennaio 2018

Il presente Manuale vuole rappresentare una guida operativa agile in grado di aiutare i Comuni nella gestione degli interventi di realizzazione di infrastrutture digitali in banda larga e ultra larga nel territorio, messi in campo dagli operatori di telecomunicazioni sia nell’ambito dei propri piani di investimento privati sia all’interno della più ampia Strategia Italiana per la Banda Ultra Larga.

Oltre alla rappresentazione del contesto di azione e del quadro normativo di settore, vengono approfonditi i principali strumenti operativi collegati con l’attività comunale, nonché messi a disposizione alcuni documenti utili a supportare l’azione amministrativa legata alle richieste di autorizzazione agli interventi presentate dagli operatori.

Dotare l’intero Paese di un’infrastruttura in banda ultra larga è una precondizione necessaria per ogni ipotesi di sviluppo sociale ed economico dei nostri territori. Le evidenze sono molte, ma se ne possono citare almeno tre:

- anche se con un digital divide infrastrutturale e culturale ancora diffuso in una parte rilevante della popolazione, già oggi i cittadini chiedono, e chiederanno sempre di più in un prossimo futuro, una velocità di connessione ad internet adeguata a supportare la fruizione di contenuti digitali in continua crescita quantitativa e qualitativa;
- la presenza di una rete ad alta velocità sui territori abilita l’erogazione e la fruizione di servizi sempre più evoluti e interconnessi, permettendo uno scambio di una grande mole di dati funzionale, fra l’altro, a potenziare e rendere più efficienti le altre infrastrutture di rete (strade, ferrovie urbane, rete di pubblica illuminazione, sistemi di monitoraggio ambientale, ecc.);
- lo sviluppo economico dei territori si basa ormai, per la maggior parte dei settori produttivi, sulla capacità di interconnessione globale, necessaria a competere sui mercati internazionali, attrarre clienti, svincolare il luogo di produzione da quello di vendita e consumo.

La disponibilità di banda ultra larga, inoltre, permette di accompagnare con maggior efficacia lo sviluppo di alcune politiche territoriali che in questo momento stanno interessando in maniera significativa il Paese:

- il potenziamento delle aree metropolitane, che hanno una grande necessità di ridefinire le dinamiche di erogazione dei servizi al loro interno basandosi fortemente sull’uso del digitale;

- la rinnovata attenzione all’individuazione di strategie di sviluppo delle aree interne e meno popolate del Paese, e in generale dei piccoli Comuni, che possono tornare a riacquisire una loro centralità anche grazie alla capacità di proporsi come luoghi attrattivi perché non più gravate da uno svantaggio infrastrutturale legato alla distanza dai centri maggiori.

Sia che si tratti di aree metropolitane, sia che si tratti di aree vaste che interessano territori meno densamente abitati, la prospettiva verso cui l’evoluzione tecnologica sta tendendo è quella della messa a disposizione di piattaforme tecnologiche integrate a livello territoriale dove possano transitare i dati di tutti quei soggetti – sia pubblici che privati – che erogano servizi di pubblica utilità. Si tratta di infrastrutture abilitanti che sempre di più potranno determinare il livello della qualità dei servizi in ambito locale, in direzione di quella “internet delle cose” che permetterà, e in parte già oggi permette, agli apparati di dialogare autonomamente e in maniera efficiente. Si pensi, ad esempio, ad applicazioni come quelle legate ai sistemi di allerta della popolazione che, se automatizzati e basati su connessioni veloci e sicure, possono permettere un’informazione immediata e personalizzata ai cittadini in grado di aumentare a livello esponenziale le misure di sicurezza in caso di eventi critici. Un altro esempio è quello relativo ai servizi di mobilità, che possono essere migliorati mediante l’analisi in tempo reale dei dati sul traffico, sulla posizione dei mezzi, ecc. Per i territori che soffrono di maggiori carenze infrastrutturali e di presidio di servizi essenziali, poi, assume un ruolo importante l’evoluzione della telemedicina e dell’assistenza a distanza, che potenzialmente è in grado di mitigare le criticità legate alla lontananza dai principali centri dove sono localizzati i servizi di cura.

Tutti questi ambiti di applicazione necessitano di connessioni veloci e sicure dove far transitare dati e servizi: è per questo che la banda ultra larga si va configurando come un’infrastruttura essenziale per i territori, la cui presenza o meno può determinare le possibilità di sviluppo o marginalità di intere aree del Paese.

Fonte: ANCI

Collegati:


Scarica questo file (Infrastrutturazione digitale del territorio ina Banda Ultra Larga.pdf)Infrastrutturazione digitale del territorio in Banda Ultra LargaQuanderno ANCI - 10.01.2018IT9001 kB(20 Downloads)

Tags: Impianti Comunicazioni elettroniche

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

Feb 21, 2018 36

Parere del 16 febbraio 2012, Prot. 0032838

Parere Prot. 0032838 del 16 febbraio 2012 Parere del Consiglio di Stato del 23 gennaio 2012, n. 319/2012 Il Consiglio di Stato cerca di districare una matassa piuttosto ingarbugliata dovuta al fatto della vigenza di due disposizioni (art. 16, L. n. 46/1990 e art. 15, D.M. n. 37/2008) che non… Leggi tutto
Feb 21, 2018 35

Circolare 3651/C del 17 febbraio 2012

Circolare 3651/C del 17 febbraio 2012 - Disciplina sanzionatoria su installazione impianti La Circolare 3651/C del 17 febbraio 2012 definisce il rapporto tra la disciplina dell'articolo 16 della legge 46/90 e l'articolo 15 del DM 37/08 in tema di applicazione delle sanzioni per violazioni relative… Leggi tutto
Feb 17, 2018 60

La protezione antincendio

La protezione antincendio La protezione antincendio è suddivise in protezione attiva e passiva in base alla necessità o meno d’intervento di un operatore o dell’azionamento di un impianto. Protezione PASSIVA (NON c'è il bisogno di un INTERVENTO) Protezione ATTIVA (c'è il bisogno di un INTERVENTO)… Leggi tutto
CEI 0 16 2014
Feb 08, 2018 127

CEI 0-16

CEI 0-16 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettricaLa presente Norma ha lo scopo di definire i criteri tecnici per la connessione degli Utenti alle reti elettriche di distribuzione con tensione… Leggi tutto
Feb 08, 2018 146

Delibere AEEG del 14 dicembre 2007

AUTORITA' PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibere 14 Dicembre 2017GU n. 22 del 26-1-2008 SO n. 22__________ DELIBERAZIONE 14 dicembre 2007Perequazione dei ricavi relativi alla remunerazione riconosciuta al servizio di misura dell’energia elettrica nell’anno 2007. (Deliberazione n.… Leggi tutto
Regolamento 2017 1938
Feb 06, 2018 106

Regolamento (UE) 2017/1938

Regolamento (UE) 2017/1938 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2017 concernente misure volte a garantire la sicurezza dell'approvvigionamento di gas e che abroga il regolamento (UE) n. 994/2010 Articolo 1 Oggetto Il presente regolamento detta disposizioni atte a garantire la… Leggi tutto