L'impatto e la diffusione delle ICT

ID 5715 | | Visite: 1458 | Guide Sicurezza lavoro INAILPermalink: https://www.certifico.com/id/5715

ICT 2018 INAIL

L'impatto e la diffusione delle ICT

La diffusione delle information and communication technology (ICT) ha comportato profondi cambiamenti che influenzano la società, il mercato e l’organizzazione del lavoro nonché le abitudini di vita.

I nuovi processi collegati alle ICT, oltre a creare nuove opportunità di lavoro e migliorarne la qualità, possono anche determinare l’insorgenza di nuovi rischi. È importante analizzare le opportunità e le criticità derivanti dall’uso delle ICT e di comprendere quale sia l’impiego da parte delle aziende in ambito di salute e sicurezza sul lavoro, anche alla luce delle trasformazioni in atto nelle modalità di lavoro e nei processi informativi/formativi.

__________

ICT: INNOVAZIONE NELLE MODALITÀ FORMATIVE NEL SETTORE SSL

L’accordo Stato Regioni del 7 luglio 2016 ha introdotto diversi elementi di novità in merito alla durata e ai contenuti minimi dei percorsi formativi per responsabili e addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP/ ASPP) e ha apportato modifiche agli accordi che regolamentano la formazione delle altre figure in materia di salute e sicurezza sul lavoro (SSL).

Nell’accordo è stato, infatti, dedicato ampio spazio alla metodologia di insegnamento e di apprendimento, sia per quanto attiene alla modalità di formazione in presenza che in modalità a distanza, con la finalità di uniformare, per quanto possibile, i criteri di qualificazione della formazione rivolta ai soggetti con ruoli in materia di prevenzione e di fornire un quadro di riferimento completo e di facile lettura per il datore di lavoro e gli operatori del settore.

In particolare l’allegato II riporta i requisiti e le specifiche di carattere organizzativo e tecnico per lo svolgimento della formazione in SSL in modalità e-learning, unitamente ai profili di competenze per la gestione didattica e tecnica e alla documentazione che l’ente erogatore deve predisporre ai fini della certificazione della formazione.

Al fine di superare le incertezze applicative in tema di formazione in e-learning è stato chiarito che per i corsi in materia di SSL tale modalità è da ritenersi valida solo se espressamente prevista da norme, accordi o dalla contrattazione collettiva come nel caso della figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS).

L’accordo ha esteso la possibilità di utilizzare la modalità e-learning al Modulo A per RSPP/ASPP e alla formazione specifica per i lavoratori a rischio basso, così come riportato nell’allegato II dell’accordo del 21 dicembre 2011. Poiché la formazione specifica per i lavoratori deve essere riferita all’effettiva mansione svolta tenendo conto degli esiti della valutazione dei rischi, l’e-learning vale anche per la formazione specifica dei lavoratori che, a prescindere dal settore di appartenenza, non svolgono mansioni che comportino la loro presenza, anche saltuaria, nei reparti produttivi e d’altro canto non è consentito per tutti quei lavoratori che svolgono mansioni che li espongono ad un rischio medio o alto anche se operano in aziende inserite nel rischio basso. 

ICT: NUOVE MODALITÀ DI LAVORO

ICT: DISTORSIONI D’USO

ICT: PIATTAFORME SOCIAL E DI COLLABORAZIONE SUL LAVORO

ICT E BENESSERE DEI LAVORATORI

Fonte: INAIL

Collegati:

Scarica questo file (ICTNuove.pdf)ICT: Nuove modalità di lavoroINAIL 2018IT697 kB(235 Downloads)
Scarica questo file (ICTInnovazione.pdf)ICT: Innovazione nelle modalità formative nel settore SSLINAIL 2018IT673 kB(199 Downloads)
Scarica questo file (ICTDistorsioni.pdf)ICT: Distorsioni d\'usoINAIL 2018IT681 kB(183 Downloads)
Scarica questo file (ICTBenessere.pdf)ICT: Benessere dei lavoratoriINAIL 2018IT673 kB(188 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Guide Sicurezza INAIL