Certificazione delle bioplastiche

ID 8934 | | Visite: 295 | Documenti Ambiente EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/8934

Certificazione delle bioplastiche

Certificazione delle bioplastiche

Nel corso dell’evoluzione della plastiche sono state fatte diverse asserzioni riguardo ai loro effetti sull’ambiente, molte delle quali peraltro non sostenute da argomentazioni credibili quanto i risultati prodotti da laboratori certificati. Per fornire norme di applicazione generale su base scientifica, le organizzazioni per la normazione hanno coinvolto esperti con competenze in diverse aree di studio per definire norme e standard nel campo delle bioplastiche. Con norma si intende l’insieme di regole al quale un prodotto deve soddisfare per ottenere una certa etichetta.

Gli enti di normazione più importanti a livello mondiale sono:

- ASTM Società Americana per le Prove e i Materiali (USA)
- ISO Organizzazione Internazionale per la Normazione
- CEN Comitato Europeo per la Normazione (Unione Europea)

Il CEN è un ente di normazione riconosciuto ufficialmente dall’Unione Europea. Le norme CEN sono vincolanti per i paesi dell’Unione Europea e vengono trasferite ai singoli enti di normazione nazionali. Questo consente ai produttori che rispettano le norme di entrare nel mercato europeo. Il primo standard nel campo del compostaggio e della biodegradazione delle plastiche è stata emesso dall’ente tedesco DIN nel 1997 (DIN V54900) e successivamente rimpiazzato dalla norma europea EN13432. Anche se ogni ente di normazione ha i suoi standard, spesso essi sono mutualmente armonizzati.

Gli organismi di certificazione americano ed europeo riconoscono a vicenda gli standard per quanto attiene a polimeri, plastiche e prodotti compostabili. In questo modo, una volta che un certificato (ad es. basato sulla EN 13432) è stato emesso, il produttore può facilmente ottenere certificati analoghi basati su altri standard. Gli standard sopra citati sono molto simili, differendo solo per alcune analisi addizionali che devono essere realizzate. In questo modo è possibile evitare la duplicazione delle analisi, che in genere comporta ulteriori costi e carichi amministrativi. Diversi standard emessi dai principali enti di standardizzazione sono riferiti alle bioplastiche. L’attenzione principale è rivolta alla compostabilità ed al contenuto di rinnovabili.

Plastice.org 2012



Tags: Ambiente Abbonati Ambiente Imballagi e rifiuti di imballaggio