Materia pericolosa per l'ambiente acquatico: l'attribuzione per l'ADR

ID 1084 | | Visite: 18585 | Documenti Riservati Trasporto ADRPermalink: https://www.certifico.com/id/1084


Materie pericolose per l'ambiente (acquatico)

Dall'ADR 2009, è stato modificato radicalmente il capitolo 2.2.9 nella parte relativa alle materie pericolose per l'ambiente (acquatico), introducendo una serie di nuovi criteri di classificazione, basati sul nuovo regolamento GHS, con i quali ricatalogare tutte le sostanze.

Le principali conseguenze di tipo pratico, a seguito dell'applicazione dei nuovi principi, sono una nuova "designazione ufficiale di trasporto" di queste materie:

 UN 3077 - MATERIA PERICOLOSA PER L'AMBIENTE, solida, nas 
 UN 3082 - MATERIA PERICOLOSA PER L'AMBIENTE, liquida, nas

e un nuovo obbligo imposto nell'etichettatura dei colli contenenti queste sostanze.

In aggiunta al consueto pittogramma della classe di pericolo dovrà essere presente, infatti, una etichetta come riportata nell'immagine allegata (ma solo per i colli con contenuto liquido/solido superiore a 5 lt/kg).

L'ADR, ai fini della classificazione, fornisce una tabella riepilogativa per poter confrontare i dati i possesso degli utilizzatori: 

TOSSICITÀ ACUTA 
Categoria: Tossicità acuta 1 
Tossicità acuta: 
CL50 96 h (per i pesci) < 1 mg/L e/o 
CE50 48 h (per i crostacei) < 1 mg/L e/o 
CEr50 72 o 96 h (per le alghe e altre piante acquatiche) < 1 mg/L. 

TOSSICITÀ CRONICA 
Categoria: Tossicità cronica 1 
Tossicità acuta: 
CL50 96 h (per i pesci) < 1 mg/L e/o 
CE50 48 h (per i crostacei) < 1 mg/L e/o 
CEr50 72 o 96 h (per le alghe e altre piante acquatiche) <1> 4 (salvo se il fattore di bioconcentrazione determinato in via sperimentale è <500> 1 - <10> 1 - <10> 1 - <10> 4 (salvo se il fattore di bioconcentrazione determinato in via sperimentale sia <500> 1 mg/L.

Questi dati si possono trovare alla sezione "12 INFORMAZIONI ECOLOGICHE" delle Schede di sicurezza in 16 punti

Spesso su queste schede non sono riportati tali dati, ma solo frasi generiche del tipo:

- può essere pericoloso per l’ambiente; 
- pericoloso per l’ambiente acquatico; 
- può danneggiare nel tempo l’ambiente acquatico; 
- ecc. 

Quindi è opportuno verificare la validità della Scheda di Sicurezza in 16 punti in accordo con il nuovo regolamento GHS (riportante eventualmente l'etichetta "Materia pericolosa per l'ambiente acquatico").

Tale obbligo di classificazione (per le materie diverse da UN 3077 e UN 3082), è scattato dal 01/01/2011.

Tags: Merci Pericolose Rifiuti ADR