Slide background

Linee guida Oms protezione dei lavoratori dai rischi dei nanomateriali

ID 5352 | | Visite: 280 | Documenti Sicurezza Organi IstituzionaliPermalink: https://www.certifico.com/id/5352

WHO lineeguida nanomateriali

Linee guida dell’Oms per la protezione dei lavoratori dai rischi potenziali dei nanomateriali ingegnerizzati

Il termine nanomateriali si riferisce a materiali che hanno almeno una dimensione (altezza, larghezza o lunghezza) che è inferiore a 100 nanometri (10-7 metri), che è circa la dimensione di una particella virale. 

Questa particolare dimensione dimensione rappresenta una caratteristica importante dei nanomateriali fabbricati (MNM). Le proprietà uniche degli MNM possono risultare in vernici migliori, farmaci migliori e elettronica più veloce. Tuttavia, per lo stesso motivo, gli MNM possono anche presentare pericoli per la salute che differiscono da quelli della sostanza alla rinfusa e possono richiedere diversi metodi di prova per il rischio, l'esposizione e la valutazione del rischio dalle loro controparti di materiali sfusi.

Attualmente vi è una scarsità di informazioni precise sui percorsi di esposizione umana per gli MNM, sul loro destino nel corpo umano e sulla loro capacità di indurre effetti biologici indesiderati come la generazione di stress ossidativo. I dati degli studi di inalazione di MNM in vitro, animale e umano sono disponibili solo per alcuni MNM. Finora non sono stati osservati effetti avversi sulla salute a lungo termine negli esseri umani. Ciò potrebbe essere dovuto alla recente introduzione di MNM, l'approccio precauzionale per evitare l'esposizione e le preoccupazioni etiche sulla conduzione di studi sull'uomo. Pertanto, le raccomandazioni sulla salute devono basarsi sull'estrapolazione delle prove di studi in vitro, su animali o di altro tipo da campi che implicano l'esposizione a particelle su nanoscala, come l'inquinamento atmosferico, ai possibili effetti sull'uomo.

Pertanto, l'OMS propone queste linee guida ai responsabili delle politiche e ai professionisti nel campo della salute e sicurezza sul lavoro con raccomandazioni su come proteggere al meglio i lavoratori dai potenziali rischi degli MNM.

Nanomateriali, anche il contributo dell’Inail nelle linee guida dell’Oms per la protezione dei lavoratori

Il Dipartimento di medicina epidemiologia e igiene del lavoro e ambientale dell’Istituto, attivo da anni sulla tematica dei rischi emergenti, ha partecipato alla stesura della pubblicazione dell’Organizzazione mondiale della sanità con una revisione sistematica della letteratura, inclusa nel documento finale e pubblicata come articolo scientifico sull’International Journal of Hygiene and Environmental Health

Nanomateriali, anche il contributo dell’Inail nelle linee guida dell’Oms per la protezione dei lavoratori

Il Dipartimento di medicina, epidemiologia e igiene del lavoro e ambientale (Dimeila) dell’Inail, attivo da anni sulla tematica dei rischi emergenti, ha contribuito alla stesura delle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per la protezione dei lavoratori esposti a nanomateriali ingegnerizzati (Nmi). Il rapido avanzamento delle nuove tecnologie basate sullo sviluppo e le produzione di strutture alla scala nanometrica (inferiori a 100 nanometri pari a 10-7 metri) – che permettono di realizzare applicazioni innovative in differenti settori dall’elettronica, alla cura della persona, dalla farmaceutica alle costruzioni, dal tessile alle energie rinnovabili – può infatti rappresentare un rischio per la salute, che deve essere valutato e gestito con un approccio specifico.

Elaborate alcune raccomandazioni per la prevenzione. La pubblicazione delle linee guida dell’Oms – “Protecting Workers from Potential Risks of Manufactured Nanomaterials” – è il frutto di una metodologia che ha incluso l’individuazione di una serie di questioni chiave su cui è stato realizzato un processo di revisione sistematica della letteratura, con il coinvolgimento di un panel di esperti internazionali del settore. In base ai risultati delle review, sono state elaborate alcune raccomandazioni per l’implementazione delle misure di prevenzione e protezione negli ambienti di lavoro, indirizzate anche ai policy maker e agli esperti in tema di salute e sicurezza occupazionale come strumento di supporto alle decisioni.

La loro tossicità può dipendere da numerose proprietà chimico-fisiche. Il Dimeila, anche in qualità di Centro di collaborazione dell’Oms in tema di salute e sicurezza occupazionale, ha contribuito in particolare con una revisione sistematica della letteratura sul tema dell’efficacia delle tecniche di misura dell’esposizione a nanomateriali nei luoghi di lavoro, inserita nel documento finale e pubblicata come articolo scientifico sulla rivista International Journal of Hygiene and Environmental Health. La tossicità dei nanomateriali ingegnerizzati può dipendere da numerose proprietà chimico-fisiche che includono le dimensioni, la forma, la composizione, le caratteristiche superficiali, la carica e il grado di dissoluzione. Gli studi in letteratura forniscono poche informazioni sugli effetti di alcuni Nmi sulla salute risultanti da studi in vitro o su animali, mentre non sono stati ancora osservati effetti a lungo termine su popolazioni di lavoratori.

Il percorso di ricerca iniziato con il Libro Bianco del 2010. Il contributo alla stesura delle linee guida dell’Oms costituisce un’ulteriore tappa del percorso di ricerca del Dimeila verso lo sviluppo responsabile dei nanomateriali e, più in generale, delle tecnologie innovative. Un percorso iniziato con il Libro Bianco del 2010 e il successivo coinvolgimento degli stakeholder nazionali, passando per la partecipazione ai progetti europei, come Nanoreg, fino allo sviluppo di metodologie e strumenti utili alla gestione del rischio, quali per esempio la piattaforma Nano-Lab e il recente progetto Nanokey, che con la partnership dell’Istituto italiano di tecnologia (IIT) contribuirà allo sviluppo di un modello di “prevention through design” (prevenzione a partire dalla progettazione) per le nanotecnologie e le tecnologie abilitanti.

Fonte: World Health Organization 
INAIL

Tags: Sicurezza lavoro Rischio chimico

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Manuale Sicurezza settore refrattari
Feb 16, 2018 32

Manuale per la Sicurezza nel settore Refrattari

Manuale per la Sicurezza nel settore Refrattari Il Manuale Refrattari esce per ora come documento tecnico, elaborato da un Gruppo di lavoro di esperti che rappresentano le aziende associate a Confindustria Ceramica. I Manuali per la Sicurezza si contraddistinguono per il metodo rigoroso e per la… Leggi tutto
Cheope CLP
Feb 16, 2018 46

La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico

La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico Dall’entrata in vigore del D. Lgs. 626/94, ormai più di 16 anni fa, l’approccio alla sicurezza e igiene del lavoro basato sulla valutazione del rischio è entrato nella mentalità di tutti gli operatori del settore e, di conseguenza, nel modo di gestire questi… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Feb 16, 2018 47

Cassazione Penale Sent. Sez. 3 Num. 7009 | 14 Febbraio 2018

Lavori di saldatura: mancanza idoneo impianto di aspirazione per la cattura dei fumi Cassazione Penale Sez. 3 del 14 febbraio 2018 n. 7009 Penale Sent. Sez. 3 Num. 7009 Anno 2018Presidente: ROSI ELISABETTARelatore: MACRI' UBALDAData Udienza: 30/11/2017 [panel]Fatto1. Con sentenza in data 27.4.2017… Leggi tutto
Rettifica direttiva  2017 2398
Feb 14, 2018 51

Rettifica direttiva (UE) 2017/2398

Rettifica direttiva (UE) 2017/2398 Rettifica della direttiva (UE) 2017/2398 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2017, che modifica la Direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

Ott 11, 2017 44082

Modello Piano Operativo Sicurezza POS compilabile

Modello Piano Operativo di Sicurezza POS compilabile Formato doc Il Piano Operativo di Sicurezza (P.O.S.) è il documento che un datore di lavoro deve redigere prima di iniziare le attività operative in un cantiere temporaneo o mobile di cui all'articolo 89, lettera h ed i cui contenuti minimi sono… Leggi tutto
Gen 09, 2018 17617

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico La norma UNI EN 689:1997 è la principale norma tecnica di riferimento per la valutazione del rischio chimico nei luoghi di lavoro. Tale norma indica strategie e metodologie per misurare la concentrazione degli agenti chimici, mettere in… Leggi tutto